Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.612,04
    +116,97 (+0,48%)
     
  • Dow Jones

    34.777,76
    +229,23 (+0,66%)
     
  • Nasdaq

    13.752,24
    +119,39 (+0,88%)
     
  • Nikkei 225

    29.357,82
    +26,45 (+0,09%)
     
  • Petrolio

    64,82
    +0,11 (+0,17%)
     
  • BTC-EUR

    48.867,37
    +1.347,71 (+2,84%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.480,07
    +44,28 (+3,08%)
     
  • Oro

    1.832,00
    +16,30 (+0,90%)
     
  • EUR/USD

    1,2167
    +0,0098 (+0,82%)
     
  • S&P 500

    4.232,60
    +30,98 (+0,74%)
     
  • HANG SENG

    28.610,65
    -26,81 (-0,09%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.034,25
    +34,81 (+0,87%)
     
  • EUR/GBP

    0,8695
    +0,0013 (+0,14%)
     
  • EUR/CHF

    1,0948
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,4743
    +0,0081 (+0,55%)
     

Borse europee partono bene dopo Fed: fioccano trimestrali, attesa per Pil Usa

Daniela La Cava
·1 minuto per la lettura

Le principali Borse europee aprono la penultima seduta della settimana in rialzo, con gli investitori che stanno passando al setaccio le indicazioni arrivate dalla riunione di ieri della Federal Reserve (Fed) che ha mantenuto i tassi di interesse vicini allo zero. In avvio di scambi il Dax avanza dello 0,2%, mentre il Cac40 sale dello 0,45% e il Ftse 100 mostra un aumento dello 0,55 per cento. Tornando alla Fed, l'istituto ha confermato anche il programma di Quantitative easing, che comporta l'acquisto di bond, ogni mese, per un valore di almeno 120 miliardi di dollari. Il presidente Powell ha affermato che la ripresa è "sbilanciata e lontana dall'essere completa". Il tutto mentre negli Stati Uniti come in Europa prosegue la stagione delle trimestrali. Oltreoceano riscontri decisamente positivi per Facebook e Apple che hanno annunciato i risultati del primo trimestre ieri sera a mercati chiusi. Sono usciti anche i risultati di alcune big europee, tra cui quelli dell'italo-francese STM. A mercati chiusi sono invece previsti i numeri di Amazon e Twitter. Lato macro, occhi puntati sull'inflazione in Germania. Per gli Usa, oltre alle consuete richieste settimanali di sussidi alla disoccupazione, in primo piano la pubblicazione del Pil annualizzato del primo trimestre. Secondo gli strategist di Mps Capital Services, da questo dato "dovrebbe emergere la forte sovraperformance dell’economia americana rispetto a quella europea, nei primi tre mesi dell'anno".