Italia markets close in 1 hour 8 minutes
  • FTSE MIB

    25.487,60
    -28,86 (-0,11%)
     
  • Dow Jones

    35.033,25
    -51,28 (-0,15%)
     
  • Nasdaq

    14.693,81
    -84,46 (-0,57%)
     
  • Nikkei 225

    27.283,59
    -498,83 (-1,80%)
     
  • Petrolio

    73,84
    +0,22 (+0,30%)
     
  • BTC-EUR

    32.889,16
    -787,82 (-2,34%)
     
  • CMC Crypto 200

    926,26
    -23,64 (-2,49%)
     
  • Oro

    1.829,30
    -6,50 (-0,35%)
     
  • EUR/USD

    1,1871
    -0,0025 (-0,21%)
     
  • S&P 500

    4.403,41
    -15,74 (-0,36%)
     
  • HANG SENG

    25.961,03
    -354,29 (-1,35%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.112,99
    -3,78 (-0,09%)
     
  • EUR/GBP

    0,8520
    +0,0004 (+0,05%)
     
  • EUR/CHF

    1,0766
    -0,0000 (-0,00%)
     
  • EUR/CAD

    1,4768
    -0,0021 (-0,15%)
     

Borse europee partono in rosso, sotto lente dati Cina

·1 minuto per la lettura

Partenza in rosso per le principali Borse europee in una seduta ancora caratterizzata dall'incertezza e la prudenza di fronte all'andamento dell'inflazione e ai dati economici contrastati giunti della Cina. Nei primi minuti di scambi il Dax di Francoforte cede lo 0,43%, mentre il Cac40 di Parigi e l'indice Ftse 100 indietreggiano rispettivamente dello 0,46% e dello 0,27 per cento. Ieri durante la sua audizione davanti alla Commissione per i servizi finanziari della Camera dei Rappresentanti, Jerome Powell ha promesso un "forte sostegno" da parte della Fed per sostenere la ripresa economica, sottolineando che il recente aumento dei prezzi è stato fugace. Oggi Powell presenterà alla Camera il rapporto semestrale sulla politica monetaria. Un'altra area di preoccupazione è la crescita della Cina che ha visto il suo Prodotto interno lordo (Pil) rallentare al 7,9% anno su anno nel secondo trimestre, una cifra in al di sotto delle attese degli analisti che si aspettavano una crescita dell'8,1%. Trimestre su trimestre, tuttavia, il Pil cinese è cresciuto leggermente più delle previsioni per il periodo aprile-giugno (+1,3%) e le vendite al dettaglio sono aumentate del 12,1% a giugno contro l'11% del consenso dopo il 12,4% di maggio. Il calendario macro prevede per gli Stati Uniti le nuove richieste settimanali di sussidi alla disoccupazione e la produzione industriale. Attenzione anche alla pubblicazione del rapporto mensile sul mercato del petrolio da parte dell'Opec.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli