Borse europee a picco, Italia e Spagna preoccupano gli investitori

Tutti i principali indici azionari europei hanno chiuso oggi in forte ribasso.  Il FTSE 100 a Londra ha perso l'1,6%, il CAC40 a Parigi il 3%, il DAX a Francoforte il 2,5%, lo SMI a Zurigo lo 0,8%, l'IBEX 35 a Madrid il 3,8% e il FTSE MIB a Milano il 4,5%. L' EuroStoxx 50 , l'indice delle 50 principali blue chips della zona euro , è sceso del 3,1%.
Gli investitori temono che la crisi del debito possa di nuovo inasprirsi. L'incertezza politica in Italia sta infatti crescendo di giorno in giorno prima delle elezioni di fine febbraio. In Spagna la pressione sul premier Mariano Rajoy sta aumentando per la vicenda dei fondi neri al partito popolare. La tensione sui titoli di stato italiani e spagnoli è di conseguenza oggi fortemente cresciuta.
I titoli del settore finanziario hanno guidato la lista dei ribassi. Tra i bancari Royal Bank of Scotland ha perso il 3,5%, Crédit Agricole il 5,2%,   UniCredit l'8,3%, Banco Santander il 5,7% e Credit Suisse il 4,5%. Tra gli assicurativi Allianz ha perso il 3,3%, Aviva il 4,4%, AXA il 3,8% e Generali il 5,5%.
Commerzbank ha perso il 5,9%. La banca tedesca ha chiuso il quarto trimestre in rosso di €720 milioni.
Vodafone
ha perso l'1,7%. Citigroup ha tagliato il suo rating sul titolo dell'operatore telefonico da "Buy" a "Neutral".
Swatch
ha guadagnato il 5%. Il gruppo svizzero ha aumentato lo scorso anno l'utile più di quanto atteso dagli analisti ed annunciato un aumento del suo dividendo del 17,4%.
Randgold Resources ha guadagnato il 3,1%. Il gruppo minerario ha aumentato il suo dividendo del 25% e annunciato che la sua produzione di oro raggiungerà quest'anno 900.000 - 950.000 once.

Scopri le nostre fonti: clicca sul logo per leggere tutti gli articoli dei provider e trova il tuo preferito