Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.744,38
    +215,69 (+0,88%)
     
  • Dow Jones

    34.200,67
    +164,68 (+0,48%)
     
  • Nasdaq

    14.052,34
    +13,58 (+0,10%)
     
  • Nikkei 225

    29.683,37
    +40,68 (+0,14%)
     
  • Petrolio

    63,07
    -0,39 (-0,61%)
     
  • BTC-EUR

    45.677,09
    -6.251,27 (-12,04%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.398,97
    +7,26 (+0,52%)
     
  • Oro

    1.777,30
    +10,50 (+0,59%)
     
  • EUR/USD

    1,1980
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • S&P 500

    4.185,47
    +15,05 (+0,36%)
     
  • HANG SENG

    28.969,71
    +176,57 (+0,61%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.032,99
    +39,56 (+0,99%)
     
  • EUR/GBP

    0,8657
    -0,0026 (-0,30%)
     
  • EUR/CHF

    1,1020
    -0,0013 (-0,12%)
     
  • EUR/CAD

    1,4982
    -0,0028 (-0,18%)
     

Borse europee positive, tornano a prevalere le speranze di ripresa

Valeria Panigada
·1 minuto per la lettura

Le Borse europee si muovono in rialzo, dopo la recente debolezza. Nei primi minuti di contrattazione l'indice Eurostoxx 50 sale dello 0,8%. A Francoforte il Dax segna un progresso dello 0,9%, a Parigi il Cac40 guadagna lo 0,7% e a Londra l'indice Ftse100 mostra un +0,8%. A sostenere gli scambi il rimbalzo di Wall Street ieri sera e i guadagni dei listini asiatici questa mattina. Sui mercati prevalgono le speranze di ripresa economica rispetto ai timori per la situazione sanitaria in Europa e i dubbi ancora presenti su una possibile accelerazione dell'inflazione. Da monitorare anche il petrolio i cui prezzi registrano una nuova fiammata, dopo il tonfo di ieri. In primo piano la questione del blocco del Canale di Suez dovuto a una nave container incastrata, che potrebbe richiedere settimane di lavoro per liberarla. La seduta sarà movimentata anche da alcune indicazioni. Nel corso della mattina verrà diffuso l'indice Ifo, che misura la fiducia delle imprese in Germania. In uscita anche la fiducia delle imprese e dei consumatori in Italia. Nel pomeriggio dagli Stati Uniti giungeranno il reddito e la spesa delle famiglie americane e la fiducia dei consumatori secondo l'università del Michigan.