Italia markets close in 48 minutes
  • FTSE MIB

    26.864,35
    +58,16 (+0,22%)
     
  • Dow Jones

    35.678,46
    +187,77 (+0,53%)
     
  • Nasdaq

    15.384,20
    +148,36 (+0,97%)
     
  • Nikkei 225

    28.820,09
    -278,15 (-0,96%)
     
  • Petrolio

    82,51
    -0,15 (-0,18%)
     
  • BTC-EUR

    52.682,38
    +1.593,35 (+3,12%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.478,95
    +59,58 (+4,20%)
     
  • Oro

    1.800,90
    +2,10 (+0,12%)
     
  • EUR/USD

    1,1674
    +0,0068 (+0,58%)
     
  • S&P 500

    4.585,60
    +33,92 (+0,75%)
     
  • HANG SENG

    25.555,73
    -73,01 (-0,28%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.225,66
    +4,78 (+0,11%)
     
  • EUR/GBP

    0,8462
    +0,0021 (+0,25%)
     
  • EUR/CHF

    1,0663
    +0,0015 (+0,14%)
     
  • EUR/CAD

    1,4408
    +0,0067 (+0,47%)
     

Borse europee in rosso, investitori già proiettati alla Fed

·1 minuto per la lettura

La settimana prende il via in rosso per le principali Borse europee, con gli investitori che rimangono cauti in una settimana caratterizzata dalla Federal Reserve (Fed). Nei primi minuti di scambi prevalgono le vendite con l'indice inglese Ftse 100 che cede lo 0,7% e il Dax che indietreggia dell'1,6% e il Cac40 che lascia sul terreno l'1,7 per cento. La banca centrale americana annuncerà mercoledì sera la sua decisione di politica monetaria a cui seguirà la conferenza stampa del governatore Jerome Powell. In questa occasione la Fed potrebbe chiarire le sue intenzioni in termini di tapering, ovvero la graduale riduzione degli acquisti di obbligazioni, anche se gli indicatori economici delle ultime settimane, soprattutto sull'inflazione, potrebbe incoraggiarla a rinviare un qualsiasi annuncio alla prossima riunione. Sempre negli Stati Uniti, da monitorare le discussioni in corso a Washington sul tetto del debito pubblico Usa, che richiederebbe un accordo al Congresso che dovrebbe essere raggiunto nelle prossime settimane per evitare una “chiusura” di alcune amministrazioni federali. Oltre alla Fed, nei prossimi giorni sono previste le riunioni di altre banche centrali, tra cui quella di Giappone, Regno Unito, Svizzera e Norvegia. Quest'ultima potrebbe quindi essere la prima banca ad aumentare il tasso di interesse di riferimento dall'inizio del coronavirus.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli