Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.636,26
    +89,76 (+0,37%)
     
  • Dow Jones

    33.212,96
    +575,77 (+1,76%)
     
  • Nasdaq

    12.131,13
    +390,48 (+3,33%)
     
  • Nikkei 225

    26.781,68
    +176,84 (+0,66%)
     
  • Petrolio

    115,07
    +0,98 (+0,86%)
     
  • BTC-EUR

    27.189,80
    +120,38 (+0,44%)
     
  • CMC Crypto 200

    625,79
    -3,71 (-0,59%)
     
  • Oro

    1.857,30
    +3,40 (+0,18%)
     
  • EUR/USD

    1,0739
    +0,0006 (+0,05%)
     
  • S&P 500

    4.158,24
    +100,40 (+2,47%)
     
  • HANG SENG

    20.697,36
    +581,16 (+2,89%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.808,86
    +68,55 (+1,83%)
     
  • EUR/GBP

    0,8497
    -0,0014 (-0,16%)
     
  • EUR/CHF

    1,0271
    -0,0016 (-0,15%)
     
  • EUR/CAD

    1,3655
    -0,0046 (-0,33%)
     

Borse europee in rosso sulla scia di Wall Street, focus rimane su banche centrali

·1 minuto per la lettura

Le Borse europee si muovono in deciso ribasso sulla scia della debolezza di Wall Street e dei listini asiatici (Tokyo ha chiuso in calo dello 0,90% dopo essere crollato durante la sessione fino a -2%). Nei primi minuti di contrattazione l'indice Eurostoxx 50 cede l'1,65%. A Francoforte il Dax perde l'1,61%, a Parigi il Cac40 segna una flessione dell'1,55% e a Londra l'indice Ftse100 scivola dello 0,77%. Sui mercati pesano le continue preoccupazioni circa l'inasprimento della politica monetaria della Federal Reserve. Gli operatori attendono nervosamente la riunione della Fed, che inizierà martedì prossimo e terminerà mercoledì, da cui si aspettano novità riguardo la strategia da adottare contro l'inflazione. Il mercato prevede un'accelerazione dell'inasprimento delle politiche con aumento dei tassi di interesse a partire dal mese di marzo. Oggi, è prevista la riunione della banca centrale della Turchia, che dovrebbe confermare i tassi al 14%. Da seguire anche l'intervento di Christine Lagarde, presidente della Bce, previsto al World Economic Forum. Tra i dati, in uscita nel pomeriggio la fiducia dei consumatori dell'Eurozona e l'indice anticipatore Usa. Intanto dall'Asia è giunta l'inflazione del Giappone relativa al mese di dicembre, che è salita su base annua dello 0,8%, meno del +0,9% atteso ma in accelerazione rispetto alla precedente crescita, pari a +0,6%.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli