Borse europee con il vento in poppa. Milano la migliore

QUOTAZIONI CORRELATE

SimboloPrezzoVariazione
UBI.MI7,000,53
DIA.MI29,110,01
P4I.DE2,530,07
ISP.MI2,430,02
FTSEMIB.MI21.613,30+78,78

Prosegue in rialzo la prima seduta del nuovo anno per le Borse europee che si mantengono tutte in territorio ampiamente positivo, sulla scia della buona chiusura di lunedì scorso a Wall Street e del sostegno che arriva dall’ottima intonazione dei futures Usa. Il Cac40 e il Ftse100 salgono a braccetto del 2,15%, preceduti di poco dal Dax30 che si apprezza del 2,21%. A regalare buonumore ai mercati contribuisce l’accordo sul fiscal cliff che è stato raggiunto in extremis tra Repubblicani e Democratici, evitando così il tanto temuto precipizio fiscale che avrebbe potuto far ricadere gli Stati Uniti in recessione, con conseguenze negative anche per la crescita economica globale. Ad avere la meglio su tutti è Piazza Affari che vede il Ftse Mib (Milano: FTSEMIB.MI - notizie) in rally del 3,02% poco sopra i 16.760 punti, dopo aver toccato un massimo a 16.825 punti. Agli acquisti sull’azionario si affianca un vero e proprio crollo dello spread BTP-Bund che rompe con violenza la soglia dei 300 punti base e si presenta ora appen sopra i 293 basis points, con un ribasso di circa otto punti e mezzo rispetto al close di venerdì scorso. Proprio la caduta verticale del differenziale tra il decennale italiano e quello tedesco spinge gli acquisti sui titoli del settore bancario. La migliore performance è quella di Banca Popolare dell’Emilia Romagna che viaggia in rally di circa il 5,5%, seguito da Intesa Sanpaolo (Milano: ISP.MI - notizie) e Ubi Banca (Milano: UBI.MI - notizie) che mettono a segno un progresso di oltre il 4%. Bene Banca Popolare di Milano e Unicredit che crescono del 3,91% e del 3,61%, mentre Banco Popolare e Monte Paschi avanzano del 3,38% e del 2,93%. Tra le blue chips si mettono in evidenza anche A2A e Generali che viaggiano in ascesa el 3,88% e del 3,71%, mentre tra quelle meno vivaci troviamo Diasorin (Milano: DIA.MI - notizie) e Parmalat (Xetra: A0ERW4 - notizie) che contengono i guadagni al di sotto di un punto percentuale.

, Decisamente positive le indicazioni che arrivano intanto dall’opposta sponda dell’Atlantico dove si dovrebbe assistere ad una partenza tutta in salita. Il future sull’S&P500 e quello sul Nasdaq100 avanzano entrambi di circa un punto e mezzo percentuale. Per le novità sul fronte macro Usa segnaliano il dato definitivo relativo all’indice PMI manifatturiero di dicembre che dovrebbe attestarsi a 51 punti rispetto ai 52,8 di novembre. Per l’indice ISM manifatturiero di dicembre le stime parlano di un dato pari a 49,7 punti dai 49,5 di novembre, mentre le spese per le costruzioni dovrebbero segnare un rialzo dell’1% rispetto all‘1,4% precedente.

In serata, alle 20 ora italiana, saranno diffuse le minutes del FOMC, ossia i verbali dell’ultima riunione della Fed dell’11 e 12 dicembre.

Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online

Scopri le nostre fonti: clicca sul logo per leggere tutti gli articoli dei provider e trova il tuo preferito


Cosa sta succedendo in Borsa

Nome Prezzo Var. % Ora
Ftse Mib 21.613,30 0,37% 17 apr 17:30 CEST
Eurostoxx 50 3.155,81 0,53% 17 apr 17:50 CEST
Ftse 100 6.625,25 0,62% 17 apr 17:35 CEST
Dax 9.409,71 0,99% 17 apr 17:45 CEST
Dow Jones 16.408,54 0,10% 17 apr 22:31 CEST
Nikkei 225 14.417,53 0,00% 02:16 CEST

Ultime notizie dai mercati