Italia markets close in 7 hours 10 minutes
  • FTSE MIB

    26.483,55
    +454,66 (+1,75%)
     
  • Dow Jones

    34.297,73
    -66,77 (-0,19%)
     
  • Nasdaq

    13.539,29
    -315,83 (-2,28%)
     
  • Nikkei 225

    27.011,33
    -120,01 (-0,44%)
     
  • Petrolio

    85,92
    +0,32 (+0,37%)
     
  • BTC-EUR

    33.416,17
    +1.092,12 (+3,38%)
     
  • CMC Crypto 200

    857,23
    +36,65 (+4,47%)
     
  • Oro

    1.845,00
    -7,50 (-0,40%)
     
  • EUR/USD

    1,1291
    -0,0015 (-0,14%)
     
  • S&P 500

    4.356,45
    -53,68 (-1,22%)
     
  • HANG SENG

    24.289,90
    +46,29 (+0,19%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.154,94
    +76,68 (+1,88%)
     
  • EUR/GBP

    0,8360
    -0,0008 (-0,09%)
     
  • EUR/CHF

    1,0388
    +0,0012 (+0,12%)
     
  • EUR/CAD

    1,4195
    -0,0074 (-0,52%)
     

Borse: il 2022 parte con segno positivo

·2 minuto per la lettura

Gli indici azionari a livello globale accolgono il 2022 con nuovi rialzi. Gli investitori rimangono positivi circa la capacità dell’economie di superare la nuova ondata di Covid-19. Nonostante il picco dei casi da variante Omicron, le prime evidenze scientifiche mostrano come il nuovo ceppo si diffonda in maniera più significativa rispetto alle precedenti varianti, ma parallelamente i sintomi sono anche più lievi, come confermato dall’OMS. Gli operatori ipotizzano che questa minore incidenza sia il primo indizio che l’emergenza sanitaria stia passando da una fase pandemica ad endemica. In Europa sono stati toccati i 100 milioni di casi mentre i governi da un lato aumentano le restrizioni e dall’altro riducono i giorni di quarantena per non bloccare nuovamente le attività. L’inflazione e la politica monetaria della Banche centrali saranno i temi maggiormente monitorati dagli operatori quest’anno, dal momento che si aspettano che la Fed alzi i tassi di interesse più volte per cercare di contenere l’aumento dei prezzi al consumo. Rimanendo sui dati macro, l’indice IHS Markit PMI del settore manifatturiero italiano ha battuto le attese attestandosi a 62 (stime a 61,5). Per l’Eurozona è risultato in linea con le attese a 58 (58,4 a novembre 2021). Hanno deluso invece il PMI manifatturiero tedesco, che si è attestato a 57,4 (stime a 57,9) e quello statunitense, risultato pari a 57,7 (attese a 57,8). Lato materie prime il Brent ha superato i 78 dollari al barile sostenuto da un’offerta ridotta e dalla speranza di un’ulteriore ripresa della domanda quest’anno, nonostante l’OPEC+ sembra sia pronta ad accettare un ulteriore aumento della produzione.

Focus sull'ISM manifatturiero per gli USA

La giornata odierna sarà scarsa per quanto riguarda la pubblicazione di dati macroeconomici di rilievo. Gli operatori dei mercati finanziari saranno concentrati prevalentemente oltreoceano, per i dati macro degli Stati Uniti. Per gli USA si attendono infatti due importanti misurazioni: l’ISM manifatturiero di dicembre e il sondaggio JOLTS (posti vacanti, novembre) che verranno rilasciati entrambi alle ore 16:00. Segnaliamo inoltre che si terrà una conference call virtuale dell’OPEC+.

Autore: Investimenti Bnp Paribas Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli