Italia Markets close in 3 hrs 44 mins

Borse poco mosse, il mercato rimane prudente

Giancarlo Marcotti
 

Seduta che normalmente si definisce “d’attesa”, il mercato sta alla finestra, rimane certamente su livelli molto alti, quindi al momento non scatta nessun allarme, tuttavia nessuno si vuole prendere ulteriori rischi, almeno per il momento.

I principali indici europei hanno terminato la giornata contrastati, torna a crescere Londra (+0,2%), mentre Parigi (-0,4%) e Francoforte (-0,1%) cedono alle vendite.

Nell’asta di chiusura termina in rosso anche Piazza Affari, il nostro Ftse Mib (-0,23%) era rimasto per quasi tutta l’intera seduta in territorio positivo, arrivando a superare anche i 22.500 punti, ma durante la contrattazione pomeridiana si sono accresciute le vendite.

Come spesso accade in queste occasioni quasi tutti i comparti non hanno seguito una direzione univoca, contrastati i bancari con Mediobanca (+1,44%), Bper Banca (+0,50%) ed Unicredit (+0,21%) che han fatto un passo avanti, mentre Ubi banca (-0,14%), Banco BPM (-0,23%) ed Intesa Sanpaolo (-0,31%) hanno avuto davanti alla loro performance il segno meno.

Idem per quanto riguarda le utilities, con Terna (+1,27%), Snam Rete Gas (+1,13%), A2A (+0,45%) ed Hera (+0,16%) premiate dagli acquisti mentre Italgas (-0,11%) e soprattutto Enel (-0,51%) hanno ceduto alle vendite.

In vetta alla classifica odierna troviamo Leonardo (+2,12%) in una giornata non certo brillante per i titoli del comparto industriale: sul fondo infatti troviamo Pirelli (-2,53%), Stmicroelectronics (-1,98%) e Ferrari (-1,69%).

Ancora in calo il comparto petrolifero con Tenaris (-1,23%), Saipem (-0,84%) ed il colosso Eni (-0,52%) che hanno terminato la seduta nei pressi del minimo di giornata.

Al momento sono tornati in territorio positivo tutte e tre i principali indici della Borsa americana, ma si tratta di guadagni assolutamente frazionali.

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro          

Sei un appassionato di trading?

Partecipa ai nostri webinar gratuiti: http://www.trend-online.com/webinar/

Autore: Giancarlo Marcotti Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online