Le borse della regione Asia-Pacifico chiudono positive, eccetto Singapore

Quasi tutte le principali  borse della regione Asia-Pacifico hanno chiuso oggi in rialzo.

Lo Shanghai Composite ha guadagnato lo 0,4% a 2.055,42 punti. Il consumo di energia elettrica ha accelerato ad ottobre in Cina. Il mercato ha interpretato la notizia come un segno di ripresa di vigore dell'economia. Aluminum Corporation of China ha guadagnato il 4,7%. Secondo quanto riporta il "China Securities Journal" la Cina avrebbe l'intenzione di aumentare le sue scorte di alluminio. Nel settore dell'industria cartaria Fujian Nanzhi ha guadagnato il 10%, Mudanjiang Hengfeng Paper il 2,6% e Shandong Bohui Paper Industrial l'1,4%. Lo yuan è salito rispetto al dollaro ai massimi livelli dal 1993. L'industria cartaria beneficia in particolar modo della forza della valuta cinese perchè la pasta per carta diventa per le imprese produttrici meno costosa.

Tra gli altri indici della regione l'Hang Seng ad Hong Kong ha guadagnato l'1,2%, l'S&P/ASX 200 a Sydney lo 0,2%, il Kospi a Seul lo 0,2% e il Taiex a Taipei lo 0,3%. Il FTSE Straits Times a Singapore ha perso l'1%.

Scopri le nostre fonti: clicca sul logo per leggere tutti gli articoli dei provider e trova il tuo preferito