Italia Markets open in 1 hr 49 mins

Le Borse tornano a salire: banche volatili dopo mossa su Carige

Davide Pantaleo
 

Dopo il calo di ieri le Borse europee sono tornate ad imboccare la via dei guadagni, sostenute dalla chiusura positiva di Wall Street. Gli indici del Vecchio Continente hanno avviato gli scambi poco al di sopra della parità e hanno allungato in seguito il passo, con il Dax30 che ora sale dello ,28%, preceduto dal Ftse100 e dal Cac40 che si apprezzano rispettivamente dello 0,62% e dello 0,81%.

L'attenzione degli investitori è rivolta alla seconda giornata del vertice iniziato ieri tra Cina e Stati Uniti sul tema del commercio, in attesa di capire se verranno compiuti passi in avanti in direzione di un'intesa tra i due Paesi.

Sul fronte macro in Europa è stato diffuso l'indice relativo alla fiducia economica che a dicembre è sceso da 109,5 a 107,3 punti, sui minimi da gennaio 2017, deludendo le stime del mercato che puntava ad un calo meno marcato a 108,5 punti.

L'indice della fiducia delle imprese a dicembre è passato da 3,4 a 1,1 punti, contro i 2,6 punti previsti dagli analisti, mentre l'indice della fiducia servizi si è contratto da 13,4 a 12 punti, al di sotto dei 12,3 punti previsti.

Nessuna sorpresa per il dato finale della fiducia dei consumatori che a dicembre ha confermato l'indicazione preliminare a -6,2 punti, in linea con le aspettative ma in peggioramento rispetto al dato di novembre fermatosi a -3,9 punti. 

A deludere è stata la produzione industriale in Germania dove a novembre si è avuta una flessione dell'1,9%, in netto peggioramento rispetto alla lettura precedente rivista al ribasso da -0,5% a -0,8%. Il dato è stato peggiore delle stime che parlavano di un rialzo dello 0,3%.

Peggio del previsto anche l'aggiornamento relativo alla bilancia commerciale che in Francia a novembre ha evidenziato un deficit pari a 5,099 miliardi di euro, in aumento rispetto al dato di ottobre rivisto da 4,052 a 4,055 miliardi e oltre le stime del mercato fissate a 4,946 miliardi di euro.

Sei affascinato dai mercati finanziari e vorresti diventare un bravo trader?

Iscriviti da qui  per rimanere sempre aggiornato sugli eventi di formazione gratuita di  Trend-Online.com

Intanto si muove in positivo anche Piazza Affari che, dopo l'essere stata l'unica a salire ieri in Europa, continua a spingersi in avanti. Il Ftse Mib avanza dello 0,48% in area 19.050, pur mostrando una certa volatilità sulla scia dell'andamento dei bancari.

Questi ultimi hanno avviato gli scambi in salita sull'onda del decreto approvato a sorpresa dal Governo in favore di Banca Carige (Dusseldorf: -BJ51.DU - notizie) . Sono autorizzati ora interventi a garanzia della liquidità e del capitale dell'istituto commissariato dalla BCE (Toronto: BCE-PRA.TO - notizie) a inizio anno.

Dopo un entusiasmo iniziale i titoli del settore bancario hanno cambiato rotta e ora Bper Banca e Ubi banca (Amsterdam: UF8.AS - notizie) flettono del 2,35% e dell'1,37%, seguito da Unicredit (EUREX: DE000A163206.EX - notizie) che cede l'1%, mentre Banco BPM e Intesa Sanpaolo (Amsterdam: IO6.AS - notizie) calano dello 0,78% e dello 0,56%, diversamente da Mediobanca (Milano: MB.MI - notizie) che sale dello 0,36%.

Male Italgas che accusa un ribasso del 2,11% dopo la bocciatura di Kepler Cheuvreux che ha rivisto la sua strategia da "buy" a "hold", con un target price invariato a 5,3 euro.

Scatta in avanti Atlantia (Londra: 0I2R.L - notizie) con un progresso del 2,69% e spunti positivi sono offerti da diversi industriali come Leonardo che si apprezza del 2,48%, seguito da Brembo e Pirelli che salgono dell'1,78% e dell'1,74%.

In ascesa del 2,03% Prysmian (EUREX: 3056144.EX - notizie) che beneficia della promozione arrivata da Goldman Sachs (NYSE: GS-PB - notizie) , i cui analisti hanno migliorato il giudizio sul titolo da "hold" a "buy" con un prezzo obiettivo ridotto però da 22 a 21 euro. 

Da segnalare la positiva intonazione di STM (Shenzhen: 000892.SZ - notizie) che porta avanti il recupero delle ultime due sedute con un progresso di oltre mezzo punto, malgrado Equita SIM abbia tagliato il fair value da 20 a 19 euro, reiterando però il rating "buy".

Sul fronte macro Usa oltre all'indice settimanale Redbook relativo alle vendite al dettaglio nelle maggiori catene Usa, si conoscerà l'aggiornamento sulla bilancia commerciale di novembre che dovrebbe mostrare un rosso di 53,8 miliardi di dollari, in miglioramento rispetto ai 55,49 miliardi della lettura precedente.

Da segnalare che oggi si terrà la seconda giornata dell'incontro bilaterale tra i funzionari degli Stati Uniti e della Cina sulla questione del commercio tra i due Paesi.

Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online