Italia markets closed
  • Dow Jones

    31.270,15
    -219,92 (-0,70%)
     
  • Nasdaq

    11.402,77
    -15,39 (-0,13%)
     
  • Nikkei 225

    26.402,84
    -508,36 (-1,89%)
     
  • EUR/USD

    1,0590
    +0,0124 (+1,19%)
     
  • BTC-EUR

    28.349,15
    +557,23 (+2,01%)
     
  • CMC Crypto 200

    667,36
    +15,12 (+2,32%)
     
  • HANG SENG

    20.120,68
    -523,62 (-2,54%)
     
  • S&P 500

    3.903,88
    -19,80 (-0,50%)
     

Borse Ue chiudono in calo, Francoforte maglia nera -1,2%, Milano -0,9%

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 26 apr. (askanews) - Ancora una seduta negativa per le Borse europee, mentre Wall Street torna crollare con il trascinarsi della guerra in Ucraina, che anzi ora rischia di non solo dilungarsi ma anche estendere le tensioni con la Russia con l'invio continuo di armi sempre più pesanti a Kiev. Francoforte ha chiuso in ribasso dell'1,20%, maglia nera in Europa dopo che Berlino ha cambiato posizione e iniziato a sua volta a inviare nuovi armamenti all'Ucraina, batterie semoventi di sistemi anti aerei. Fino a inizio pomeriggio i mercati europei avevano mantenuto rialzi, Londra è riuscita a chiudere leggermente in positivo con un più 0,08%.

Parigi ha chiuso al meno 0,57%, Milano con un peggioramento sul finale a al meno 0,95%. I cali più netti sull'indice di riferimento hanno coinvolto UniCredit (-3,22%), Stellantis (-3,19%), Diasorin (-2,62%) e Pirelli (-2,53%). I maggiori guadagni invece hanno favorito Tenaris (+3,53%), Prysmian (+1,19%), Iveco (+0,82%) e A2A (+0,74%).

Intanto Wall Street il Dow Jones cade dell'1,47%, l'S&P 500 segna -1,81% il Nasdaq perde il 3,03% nonostante il codazzo di fermento attorno all'accordo di takeover di Twitter da parte di Elon Musk (il social perde un 3,15%). alle tensioni con la Russia si aggiungono quelle crescenti con la Cina e intanto salgono i timori di rallentamento sulla crescita proprio del dragone, mentre le autorità cinesi insistono con un controverso lockdown a Shanghai che fate mire nuovi problemi alle catene di approvvigionamento globali.

La debolezza dell'azionario, poi, è anche correlata alle prospettive di accelerazioni sui rialzi dei tassi di interesse della Federal Reserve, che hanno sono tornate a spingere al rialzo il dollaro. A 1,0650 sul biglietto verde l'euro oggi ha segnato un nuovo minimo da marzo 2020.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli