Borse Ue deboli malgrado Usa. Piazza Affari sale da sola

QUOTAZIONI CORRELATE

SimboloPrezzoVariazione
AGL.MI7,110,20
LUX.MI40,710,40
F.MI8,760,13
^FCHI4.431,81+26,15

A circa un’ora dalla chiusura delle contrattazioni odierne, le Borse europee si mantengono in calo, anche se in recupero dai minimi segnati nel corso della mattinata. Gli indici non riescono a trovae sostegno nelle positive indicazioni che arrivano da Wall Street dove i tre listini principali viaggiano tutti in salita. Dal fronte macro l’aggiornamento odierno si è rivelato peggiore delle attese visto che l’indice New York Empire State Manufacturing è sceso a-8,1 punti a dicembre, mentre le previsioni erano per un calo meno corposo a -1. Gli investitori sembrano aver ritrovato una certa fiducia nella possibilità di un accordo sul fiscal cliff, in merito al quale sono stati compiuti dei passi in avanti, ma non ancora definitivi. Intanto in Europa il Dax30 mostra un frazionale calo dello 0,03%, mentre il Cac40 (Parigi: ^FCHI - notizie) e il Ftse100 arretrano rispettivamente dello 0,28% e dello 0,35%. Diversa la situazione se ci si sposta a Piazza Affari che si muove in controtendenza con il Ftse Mib ad un passo dall’area dei 16.000 punti, in rialzo dello 0,48%. Si conferma in rosso Telecom Italia che scende dell‘1,2% in attesa di novità sul fronte dello spin-off della rete. Vendite su Autogrill (Milano: AGL.MI - notizie) che cede lo 0,84%, seguito da Parmalat che cala dello 0,63% e procedono in maniera contrastata i titoli del lusso con Luxottica (Milano: LUX.MI - notizie) e Ferragamo in calo dello 0,25% e dello 0,18%, diversamente da Tod0s che sale dello 0,16%.

Forte rally per Banca Monte Paschi che guadagna oltre il 6% dopo il via libera della Commisione UE alla ricapitalizzazione del gruppo. Tra i bancari si mette in evidenza anche Banca Popolare dell’Emilia Romagna che sale di oltre il 3%, mentre Banco Popolare e Mediobanca crescono del 2,43% e del 2,05%.

, Molot bene Fiat (Milano: F.MI - notizie) che vanta un progresso di oltre il 3% dopo la smentita dei rumors relativi ad un possibile aumento di capitale. Tra le migliori blue chips segnaliamo anche A2A e Mediaset che viaggiano in ascesa di oltre il 2%.

Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online

Scopri le nostre fonti: clicca sul logo per leggere tutti gli articoli dei provider e trova il tuo preferito