Borse Ue e Usa in rosso. A2A brilla a Piazza Affari

QUOTAZIONI CORRELATE

SimboloPrezzoVariazione
BPD.BE4,990,00
^DJI16.501,65-12,72

Migliora il bilancio delle Borse europee che a meno di un’ora dalla chiusura delle contrattazioni odierne, si sono allontanate dai minimi intraday. Questo malgrado le negative indicazioni che arrivano da Wall Street dove i tre indici principali viaggiano tutti in calo, con il Dow Jones (DJI: ^DJI - notizie) e l’S&P500 in ribasso di circa mezzo punto, seguiti dal Nasdaq Composite (Nasdaq: ^IXIC - notizie) che si difende meglio con una flessione più contenuta dello 0,18%.

L’andamento decisamente positivo delle vendite registrate durante l’ultimo week-end non offre un sostegno a Wall Street che probabilmente aveva già scontato in anticipo venerdì scorso una simile performance. Intanto in Europa prevale l’attesa per l’esito della riunione odierna dell’Eurogruppo, per vedere se dalla stessa sarà partorita la decisione relativa allo sblocco degli aiuti alla Grecia. Il Dax30 si muove poco al di sotto della parità con un frazionale calo dello 0,07% dopo essersi spinto anche in positivo per pochissimi minuti, mentre restano più indietro il Ftse100 e il Cac40 (Parigi: ^FCHI - notizie) che scendono rispettivamente dello 0,48% e dello 0,6%. Il segno meno continua ad avere la meglio anche a Piazza Affari dove l’indice Ftse Mib (MDD: FTSEMIB.MDD - notizie) si presenta poco sopra i 15.550 punti, con un ribasso dello 0,48%. Sempre più in alto A2A (MDD: A2A.MDD - notizie) che vanta un rally di oltre il 5% sulla scia dell’esito molto positivo del bond a 7 anni lanciato venerdì scorso. Si rafforza Fiat Auto (Milano: F.MI - notizie) che si apprezza dell‘1,7%, seguito da Mediolanum (EUREX: 976622.EX - notizie) e Terna (Milano: TRN.MI - notizie) che avanzano dell‘1,63% e dell‘1,05%. Poco sopra la parità Enel (Madrid: ENE.MC - notizie) ed Enel Green Power (Berlino: 11758488.BE - notizie) con un frazionale rialzo dello 0,15%. Nel settore bancario l’unica eccezione positiva è quella di Monte Paschi che viaggia in ascesa dello 0,84%. Diversa (Other OTC: DVSAF.PK - notizie) la situazione per Mediobanca (EUREX: 574959.EX - notizie) e Banca Popolare di Milano (Milano: PMI.MI - notizie) che calano entrambi dello 0,33%, mentre Unicredit (EUREX: C2RI.EX - notizie) perde mezzo punto, lasciando più indietro Ubi Banca (Berlino: BPD.BE - notizie) e Intesa Sanpaolo (Dusseldorf: 575913.DU - notizie) che flettono dello 0,78%. Ad avere la peggio sono Banca Popolare dell’Emilia Romagna e Banco Popolare (Berlino: B8Z.BE - notizie) che arretrano rispettivamente dell‘1,06% e dell‘1,48%.

, In fondo al listino troviamo Fiat Industrial che lascia sul parterre oltre due punti dopo l’accordo sulla fusione con CNH. Male anche Prysmian (Berlino: AEU.BE - notizie) che retrocede dell‘1,69% complice la bocciatura di Mediobanca.

Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online

Scopri le nostre fonti: clicca sul logo per leggere tutti gli articoli dei provider e trova il tuo preferito


Cosa sta succedendo in Borsa

Nome Prezzo Var. % Ora
Ftse Mib 21.675,75 -1,18% 23 apr 17:30 CEST
Eurostoxx 50 3.175,97 0,74% 23 apr 17:50 CEST
Ftse 100 6.674,74 0,11% 23 apr 17:35 CEST
Dax 9.544,19 0,58% 23 apr 17:45 CEST
Dow Jones 16.501,65 0,08% 23 apr 22:30 CEST
Nikkei 225 14.536,26 0,07% 02:54 CEST

Ultime notizie dai mercati