Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.621,72
    -63,95 (-0,26%)
     
  • Dow Jones

    34.429,88
    +34,87 (+0,10%)
     
  • Nasdaq

    11.461,50
    -20,95 (-0,18%)
     
  • Nikkei 225

    27.777,90
    -448,18 (-1,59%)
     
  • Petrolio

    80,34
    -0,88 (-1,08%)
     
  • BTC-EUR

    16.140,35
    -84,94 (-0,52%)
     
  • CMC Crypto 200

    404,33
    +2,91 (+0,72%)
     
  • Oro

    1.797,30
    -3,80 (-0,21%)
     
  • EUR/USD

    1,0531
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • S&P 500

    4.071,70
    -4,87 (-0,12%)
     
  • HANG SENG

    18.675,35
    -61,09 (-0,33%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.977,90
    -6,60 (-0,17%)
     
  • EUR/GBP

    0,8576
    -0,0009 (-0,10%)
     
  • EUR/CHF

    0,9871
    +0,0010 (+0,10%)
     
  • EUR/CAD

    1,4193
    +0,0068 (+0,48%)
     

Bossi e Maroni contro Salvini, è tempo di un nuovo leader per la Lega: le previsioni dei bookmakers

Salvini nuovo leader lega
Salvini nuovo leader lega

È tempo di un nuovo leader per la Lega come dimostrano i drammatici risultati riscossi dal partito alle elezioni politiche del 25 settembre. Mentre Bossi e Maroni attaccano Salvini, i bookmakers diffondono previsioni e pronostici.

Bossi e Maroni contro Salvini, è tempo di un nuovo leader per la Lega

Sono mesi ormai che le crepe e le spaccature che percorrono la Lega si palesano agli occhi dei cittadini in modo lampante. Nonostante non siano state rilasciate dichiarazioni in tal senso dai vertici del partito e il continuo rinvio del congresso, il flop scaturito dalle elezioni politiche del 25 settembre rappresenta inevitabilmente l’inizio della resa dei conti per il Carroccio. Il nodo cruciale è ovviamente la leadership di Matteo Salvini che ha già provveduto a blindare il Parlamento facendovi entrare alcuni dei suoi fedelissimi, scongiurando faide.

Il fiasco della Lega era atteso all’interno del partito. Ciò che non era stato previsto era che si materializzasse attraverso percentuali così terribili, inferiori addirittura al 10%. A questo proposito, con la sua mancata rielezione dopo 35 anni in Parlamento, il fondatore della Lega Umberto Bossi ha dichiarato con fermezza: “Il popolo del Nord esprime un messaggio chiaro ed inequivocabile che non può non essere ascoltato”.

Bossi, inoltre, si è detto “contento” di non essere stato eletto in quanto aveva deciso di non candidarsi. “Mi hanno pregato e solo per il rispetto verso la militanza ho accettato”, ha detto. Ma Salvini e suoi stanno pensando di chiedere che venga eletto senatore a vita per ridare prestigio al partito. Una mossa piuttosto ipocrita se si considera che lo stesso Salvini, in un’intervista al Senato rilasciata a settembre 2019, chiedeva l’abolizione della figura, asserendo: “l senatore a vita è una figura assolutamente superata nella storia della nostra Repubblica. Lasciare a dei senatori a vita pro tempore, che vengono qua quando hanno tempo, il governo che nasce e che muore proprio no. Con tutto il rispetto. È la casta della casta”.

Le previsioni dei bookmakers

Contro il segretario della Lega, ancora prima delle parole di Bossi, era intervenuto un altro storico esponente del partito: l’ex ministro Roberto Maroni. Il politico ha tuonato: “È ora di un nuovo leader per la lega. Ora si parla di un congresso straordinario della Lega. Ci vuole. Io saprei chi eleggere come nuovo segretario, ma per adesso non faccio nomi”.

Se appare ormai assodata la frattura tra la “Lega di governo” e la “Lega d’opposizione” che si è manifestata in tutta la sua evidenza durante il Governo Draghi, sono molti i nomi che circolano e che vengono indicati come possibili successori di Salvini.

Sulla base di quanto riferito da Oddsdealer.net, sito che fornisce quote per bookmaker internazionali, il governatore del Friuli-Venezia Giulia Massimiliano Fedriga è dato a 2,41. Segue il presidente del Veneto Luca Zaia che, nonostante pare essere più intenzionato ad appoggiare Fedrica, è dato dai bookmakers a quota 2,88 come papabile successore di Salvini. L’ex ministro del Turismo del Governo Massimo Garavaglia dato a 4,16 mentre l’ex ministro del Mise Giancarlo Giorgetti è dato a quota 5.

In attesa del congresso, tuttavia, non è da escludere che la situazione possa continuare a mutare e anche molto.