Italia markets close in 2 hours 42 minutes
  • FTSE MIB

    19.055,63
    -30,32 (-0,16%)
     
  • Dow Jones

    28.210,82
    -97,97 (-0,35%)
     
  • Nasdaq

    11.484,69
    -31,80 (-0,28%)
     
  • Nikkei 225

    23.474,27
    -165,19 (-0,70%)
     
  • Petrolio

    40,11
    +0,08 (+0,20%)
     
  • BTC-EUR

    10.876,92
    +1.547,51 (+16,59%)
     
  • CMC Crypto 200

    259,30
    +14,41 (+5,88%)
     
  • Oro

    1.908,20
    -21,30 (-1,10%)
     
  • EUR/USD

    1,1826
    -0,0041 (-0,34%)
     
  • S&P 500

    3.435,56
    -7,56 (-0,22%)
     
  • HANG SENG

    24.786,13
    +31,71 (+0,13%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.170,16
    -10,54 (-0,33%)
     
  • EUR/GBP

    0,9023
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • EUR/CHF

    1,0720
    -0,0010 (-0,10%)
     
  • EUR/CAD

    1,5555
    -0,0025 (-0,16%)
     

Braccio di ferro Governo-Atlantia su Aspi, revoca più vicina

Sen
·2 minuti per la lettura

Roma, 1 ott. (askanews) - Braccio di ferro tra Governo e Atlantia su Autostrade per l'Italia, mentre appare sempre più vicina la revoca delle concessioni autostradali. Dopo la risposta dei ieri del Governo che ha dato ad Atlantia fino a 10 giorni di tempo per trovare un accordo con Cdp sulla cessione di Autostrade per l'Italia, pena l'avvio della procedura di revoca, oggi la ministra dei Trasporti e Infrastrutture, Paola De Micheli, da Genova, è sembrata ancora più dura giudicando più probabile la revoca. "Credo di sì - ha detto la ministra -. Siamo in una situazione di stallo. Aspi e Atlantia hanno mandato due lettere che complessivamente determinano un non rispetto degli impegni assunti da loro con le lettere che avevano inviato il 14 luglio al consiglio dei ministri". E proprio martedì, in due lettere, Atlantia e Aspi avevano risposto al Governo ribadendo punto su punto la loro posozione sul negoziato con Cdp. Lo scoglio maggiore, richiesta di manleva a parte, rimane quello della transazione con il Mit sulla procedura di contestazione per il crollo del Ponte di Genova e l'approvazione del nuovo Piano economico finanziario con l'indicazione delle tariffe. Il Governo intende firmalo dopo la procedura di cessione a Cdp, Atlantia invece prima. Il nodo è sostanziale, perchè dall'approvazione del Pef deriva poi la quantificazione del valore di vendita di Aspi e per il quale Atlantia ha ribadito la volontà di arrivare a una cessione a prezzi di mercato. "La cessione potrà essere conclusa a reali condizioni di mercato solo a valle della formalizzazione di un accordo transattivo tra Aspi e il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti - si legge nella lettera di Atlantia -, nonché dal raggiungimento di un'intesa sul quadro regolatorio e tariffario, presupposto indispensabile per la bancabilità degli investimenti oltre che per l'attrattività nel lungo termine di Aspi per gli investitori". Nella lettera inviata da Aspi, la società si dice pronta a firmare l'atto transattivo sulla procedura di contestazione avviata dal Mit e il nuovo Piano economico e finanziario, avvertendo però che in caso contrario avvierà una battaglia legale per l'indennizzo. "Nell'eventualità non auspicata di una indisponibilità del Governo a finalizzare l'accordo già raggiunto - scrive Autostrade per l'Italia -, restano naturalmente fermi i diritti di Autostrade per l'Italia sanciti dalla Convenzione Unica e già rappresentati al Mit. La società conferma la propria disponibilità a sottoscrivere l'accordo nei termini pattuiti, auspicando che il Governo voglia finalizzare quanto prima lo stesso". A Piazza Affari, giornata di tensione per il titolo Atlantia, che ha chiuso la giornata con un calo superiore al 2%.