Italia markets open in 39 minutes
  • Dow Jones

    29.872,47
    -173,77 (-0,58%)
     
  • Nasdaq

    12.094,40
    +57,62 (+0,48%)
     
  • Nikkei 225

    26.537,31
    +240,45 (+0,91%)
     
  • EUR/USD

    1,1937
    +0,0018 (+0,16%)
     
  • BTC-EUR

    14.961,95
    -125,62 (-0,83%)
     
  • CMC Crypto 200

    348,09
    -22,42 (-6,05%)
     
  • HANG SENG

    26.739,26
    +69,51 (+0,26%)
     
  • S&P 500

    3.629,65
    -5,76 (-0,16%)
     

Brembo: utile netto terzo trimestre giù a 51,7 milioni, -1,8%

Glv
·1 minuto per la lettura

Roma, 9 nov. (askanews) - La Brembo chiude il terzo trimestre con un utile netto di 51,7 milioni, in calo dell'1,8% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. Lo comunica la società dopo il consiglio di amministrazione sui risultati trimestrali. I ricavi consolidati sono stati pari a 608,8 milioni, in diminuzione del 5,9%. Nei primi nove mesi del 2020 invece, l'utile netto è stato di 71,7 milioni (-59,3%) e i ricavi di 1,56 miliardi (-20,9%). "I risultati del terzo trimestre - sostiene il presidente Alberto Bombassei - mostrano che, in un anno caratterizzato da condizioni eccezionalmente complesse e negative, che hanno fin qui impattato fortemente tutti i settori industriali, incluso quello dell'automotive, Brembo ha saputo variabilizzare rapidamente una gran parte dei propri costi, contenendo gli effetti negativi del mercato di riferimento". "Nel terzo trimestre - secondo il presidente - abbiamo saputo cogliere gli spunti di ripresa che i mercati hanno offerto, reagendo alle aumentate richieste dei clienti in tempi strettissimi e potendo consuntivare un risultato che, sia pur di poco in diminuzione se comparato al 2019, è da considerarsi lusinghiero". "I tre mesi in esame - aggiunge Bombassei - hanno mitigato la negatività della prima parte dell'anno, che si completerà con l'ultimo trimestre in corso, carico a sua volta di incertezze. Proprio in un momento così incerto, l'azienda ha presentato la sua nuova visione strategica, orientata a sviluppare prodotti e processi innovativi, anche in chiave di sostenibilità ambientale, per anticipare i bisogni dei propri clienti, impegnati nelle sfide poste dai nuovi paradigmi della mobilità".