Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.088,36
    -340,57 (-1,52%)
     
  • Dow Jones

    30.996,98
    -179,03 (-0,57%)
     
  • Nasdaq

    13.543,06
    +12,15 (+0,09%)
     
  • Nikkei 225

    28.631,45
    -125,41 (-0,44%)
     
  • Petrolio

    51,98
    -1,15 (-2,16%)
     
  • BTC-EUR

    26.525,31
    +409,80 (+1,57%)
     
  • CMC Crypto 200

    651,44
    +41,45 (+6,79%)
     
  • Oro

    1.855,50
    -10,40 (-0,56%)
     
  • EUR/USD

    1,2174
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • S&P 500

    3.841,47
    -11,60 (-0,30%)
     
  • HANG SENG

    29.447,85
    -479,91 (-1,60%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.602,41
    -15,94 (-0,44%)
     
  • EUR/GBP

    0,8895
    +0,0036 (+0,41%)
     
  • EUR/CHF

    1,0769
    +0,0003 (+0,03%)
     
  • EUR/CAD

    1,5500
    +0,0125 (+0,81%)
     

Brexit, c’è l’accordo tra Ue e Gran Bretagna

Redazione
·1 minuto per la lettura
Brexit, c’è l’accordo tra Ue e Gran Bretagna
Brexit, c’è l’accordo tra Ue e Gran Bretagna

Unione europea e Regno Unito hanno raggiunto in extremis l’intesa commerciale che regola gli scambi dopo l’addio di Londra a Bruxelles

C’è l’accordo commerciale post Brexit. Dopo mesi di estenuanti trattative, il rush finale ha finalmente condotto all’intesa, annunciata dal premier britannico Boris Johnson. Gli ultimi dettagli sono stati discussi mercoledì sera e anche la parte più controversa, relativa ai diritti di pesca, è stata superata.

SODDISFAZIONE RECIPROCA

L’accordo, come affermato in diretta televisiva da Johnson, “rispetta tutte le promesse fatte al popolo britannico dal governo” e “rispetta la volontà popolare espressa nel referendum del 2016”. "Abbiamo finalmente trovato un accordo, è buono, equilibrato e la cosa più responsabile da fare per entrambe le parti", ha spiegato la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen durante una conferenza stampa congiunta con il capo negoziatore Ue Michel Barnier. Dopo i difficili negoziati, ha spiegato von der Leyen, “possiamo lasciarci alle spalle la Brexit”.

IN VIGORE DAL PRIMO GENNAIO

Il nuovo accordo commerciale da duemila pagine entrerà in vigore dal primo gennaio dopo la ratifica da parte del Parlamento inglese e quella del Parlamento europeo, che probabilmente sarà retroattiva.