Italia Markets closed

Brexit, Confagricoltura: poco tempo per negoziare accordo scambio -2-

BOL

Roma, 30 dic. (askanews) - "Senza un accordo alla fine del periodo transitorio - prosegue il presidente di Confagricoltura - ci troveremmo alla fine dell'anno venturo nella situazione peggiore che finora è stata evitata, con il ritorno delle frontiere tra UE e Regno Unito e il ripristino di dazi e controlli sulle merci. In pratica una 'hard Brexit' a scoppio ritardato. E' un rischio concreto, denunciato nei giorni scorsi in prima persona dalla presidente della Commissione europea".

Non c'è solo il problema dei dazi e dei controlli. Nell'accordo, infatti, devono essere regolate anche una serie di questioni che sono fondamentali per il consolidamento dell'attuale livello degli scambi commerciali. A partire dal riconoscimento delle indicazioni geografiche protette che, senza intesa, non sarebbe più garantito sul mercato britannico. A tutto vantaggio delle imitazioni e delle contraffazioni delle nostre specialità.

"E' un aspetto - sottolinea Giansanti - da inquadrare già nel mandato negoziale che va assegnato alla Commissione Ue all'inizio dell'anno venturo. Chiediamo, al riguardo, una forte iniziativa da parte del nostro governo".

Confagricoltura segnala che anche l'associazione degli agricoltori del Regno Unito (NFU) sollecita il raggiungimento di un accordo di libero scambio con l'Unione europea. C'è il timore che il governo di Londra possa aprire la strada alle importazioni da Paesi terzi dove vigono sistemi produttivi meno rigorosi in termini di sicurezza alimentare, tutela dei lavoratori, protezione delle risorse naturali.(Segue)