Italia Markets open in 8 hrs

Bundesbank ha ancora fiducia in economia tedesca e mercato immobiliare

·1 minuto per la lettura
Cartello che indica la sede della Banca centrale tedesca Bundesbank a Francoforte
Cartello che indica la sede della Banca centrale tedesca Bundesbank a Francoforte

FRANCOFORTE (Reuters) - L'economia tedesca è probabilmente ancora in crescita, sebbene a un ritmo più lento, e il mercato immobiliare del Paese sta reggendo bene nonostante la recente recrudescenza della pandemia di coronavirus.

È quanto comunicato dalla Bundesbank.

La banca centrale tedesca ha detto che la prima economia europea sta rallentando, ma che il recente aumento dei casi potrebbe colpire in maniera particolare il settore alberghiero.

"Il recente, forte aumento del numero dei contagi e le relative misure di contenimento imposte in alcune regioni potrebbero colpire in maniera particolare il settore dei servizi e l'industria alberghiera e quella del catering", si legge nella relazione mensile della Bundesbank.

"Dalla posizione in cui si trova oggi, l'economia tedesca potrebbe estendere la ripresa nel trimestre in corso, sebbene a un ritmo notevolmente inferiore".

Nella relazione si legge inoltre che la pandemia ha colpito in modo marginale il mercato immobiliare e che questo trend potrebbe continuare finchè le ricadute economiche della pandemia restano solo temporanee.

"Una correzione improvvisa dei prezzi degli immobili non è all'orizzonte, a condizione però che non si verifichino interruzioni significative all'attuale ripresa dell'economia" ha scrive la Bundesbank.

All'interno della relazione la banca centrale tedesca ha anche pubblicato uno studio approfondito sul mercato immobiliare del Paese, dal quale emerge che i prezzi degli immobili residenziali sono aumentati del 50% dal 2010.

Bundesbank ha concluso che il boom può essere ricondotto in gran parte a un aumento della domanda in relazione all'offerta e, nonostante la considerevole sopravvalutazione nelle aree urbane, non ha riscontrato prove di "motivi destabilizzanti e speculativi".

(Tradotto da Redazione Danzica, in redazione a Milano Gianluca Semeraro, michela.piersimoni@thomsonreuters.com, +48 587696616)