Italia markets open in 5 hours 15 minutes
  • Dow Jones

    34.792,67
    -323,73 (-0,92%)
     
  • Nasdaq

    14.780,53
    +19,24 (+0,13%)
     
  • Nikkei 225

    27.670,30
    +86,22 (+0,31%)
     
  • EUR/USD

    1,1841
    -0,0001 (-0,01%)
     
  • BTC-EUR

    33.618,55
    +914,00 (+2,79%)
     
  • CMC Crypto 200

    981,48
    +54,71 (+5,90%)
     
  • HANG SENG

    26.344,01
    -82,54 (-0,31%)
     
  • S&P 500

    4.402,66
    -20,49 (-0,46%)
     

Busta paga, a luglio bonus lavoro: quanto vale

·1 minuto per la lettura
Busta paga, a luglio bonus lavoro: quanto vale
Busta paga, a luglio bonus lavoro: quanto vale

Addio al bonus Renzi, arriva il bonus lavoro. Da luglio, le buste paga saranno più ricche in virtù del trattamento integrativo previsto dal decreto legge che prevede 'misure urgenti per la riduzione della pressione fiscale sul lavoro dipendente'.

GUARDA ANCHE - Dl Rilancio, dove è finito l’ecobonus 110%?

Si tratta di un bonus non imponibile che porta gli attuali 80 euro a 100 euro mensili, come evidenzia laleggepertutti.it. Ne avranno diritto i titolari di redditi di lavoro dipendente e assimilati che, nell’anno di erogazione, registrino un reddito complessivo non superiore a 28mila euro. I dipendenti interessati, quindi, saranno di più, visto che finora il bonus Renzi prevedeva un reddito massimo di 26mila euro. Restano escluse le persone incapienti, a meno che lo si sia diventati per effetto delle misure di prevenzione e contenimento dell’epidemia (ad esempio, a seguito di cassa integrazione).

Il decreto legge prevede, inoltre, per il 2020 un’ulteriore detrazione d’imposta per chi ha un reddito complessivo compreso tra i 28mila e i 40mila euro annui, da rapportarsi al periodo di lavoro e di ammontare inversamente proporzionale al reddito complessivo del dipendente. Significa che il bonus diminuisce con l’aumentare del reddito fino ad azzerarsi quando si arriva alla soglia dei 40mila euro.

Il bonus dovrà essere erogato in automatico dalla mensilità di luglio dal datore di lavoro, il quale maturerà un credito d’imposta di pari importo da utilizzare in compensazione. A fine anno, ci sarà un conguaglio, ed il sostituto d’imposta potrà recuperare dal lavoratore la somma impropriamente riconosciuta.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli