Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.352,46
    +151,02 (+0,68%)
     
  • Dow Jones

    29.910,37
    +37,90 (+0,13%)
     
  • Nasdaq

    12.205,85
    +111,44 (+0,92%)
     
  • Nikkei 225

    26.644,71
    +107,40 (+0,40%)
     
  • Petrolio

    45,53
    -0,18 (-0,39%)
     
  • BTC-EUR

    14.232,20
    +190,61 (+1,36%)
     
  • CMC Crypto 200

    333,10
    -4,40 (-1,30%)
     
  • Oro

    1.781,90
    -23,60 (-1,31%)
     
  • EUR/USD

    1,1963
    +0,0050 (+0,42%)
     
  • S&P 500

    3.638,35
    +8,70 (+0,24%)
     
  • HANG SENG

    26.894,68
    +75,23 (+0,28%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.527,79
    +16,85 (+0,48%)
     
  • EUR/GBP

    0,8989
    +0,0073 (+0,81%)
     
  • EUR/CHF

    1,0817
    +0,0020 (+0,19%)
     
  • EUR/CAD

    1,5528
    +0,0026 (+0,17%)
     

I Buy di oggi degli analisti da Acea a Unicredit

Finanzaoperativa.com
·4 minuto per la lettura

Equita assegna un buy a: Enel con target price di 8,50 euro (secondo indiscrezioni stampa il gruppo sarebbe oerientato a cedere il 40% di Open Fiber a Macquarie), Iren con prezzo obiettivo di 2,90 euro (finalizzata l’acquisizione di Unieco), Pirelli con fair value di 4,60 euro (gli acquisti dei punti vendita di ottobre rilevati da Micheln sono risultati migliori delle attese nel settore auto e in linea con il consensus nel comparto camion) e Tamburi Investment Partners (Tip) con target di 7,60 euro, migliorato dai precedenti 7,50 euro dopo la trimestrale.

Banca Akros giudica buy: Cnh Industrial con obiettivo di 10 euro (ha annunciato che Scott W. Wine lascerà Polaris per diventare il nuovo amministratore delegato del gruppo a partire dal 4 gennaio 2021), Iren con fair value di 2,70 euro e Prysmian con target di 30 euro (niovo contratto da 200 mln di euro per cavi sottomarini).

Giudizio accumulate inoltre per Brembo con fair value di 11 euro (acquisita la danese SBS Friction), Enervit con obiettivo di 3,10 euro, ridotto però dai precedenti 3,45 euro in scia alla revisione dei target 2020-2023 e Generali con target di 15,50 euro (ha confermato la sua strategia e il suo impegno in raggiungimento degli obiettivi finanziari per il 2021).

Intesa Sanpaolo assegna un buy a: Acea con target di 23,60 euro (nonostante il Covid ha dimostrato una solida capacità nel fornire risultati resilienti, principalmente grazie all’elevata quota di attività regolate, pari a oltre l’80% dell’EBITDA totale), Datalogic con obiettivo di 16,70 euro, alzato dai precedenti 14,10 euro dopo la trimestrale, Esprinet con fair value di 11 euro dopo il lancio di Cloud Marketplace, piattaforma proprietaria integrata nel sito B2B.esprinet.com, Orsero con obiettivo di 8,50 euro, alzato dai precedenti 7,90 euro dopo la trimestrale, Inwit con fair value di 12,60 euro (Vantage Towers ha tenuto una presentazione in cui per la prima volta l’azienda ha evidenziato la strategia, i dati finanziari e le linee guida in vista dell’IPO a Francoforte prevista per l’inizio del 2021), Iren con fair value di 3,50 euro, SeSa con fair value di 100,70 euro (sottoscritto un contratto vincolante per l’acquisizione tramite Var Group di Pragma Progetti e Pragma Solution) e Unipol con target di 4,60 euro dopo la trimestrale.

Giudizio add inoltre per Enav con obiettivo di 3,70 euro (il quadro normativo è ancora favorevole), Generali con fair value di 15,80 euro, Interpump con target di 39,50 euro (il management ha confermato la crescita per linee esterne), Poste Italiane con obiettivo di 9,70 euro, alzato dai precedenti 9 euro dopo la trimestrale e Prysmian con target di 27,20 euro.

Goldman Sachs giudica buy: In uno studio sule bache italiane: Bper Banca con fair value di 2,25 euro, alzato dai precedenti 2,20 euro, Intesa Sanpaolo con obiettivo di 2,40 euro, migliorato dai precedenti 2,15 euro e Unicredit con target di 12,70 euro, alzato dai precedenti 12,30 euro.

Fidentiis assegna un buy a: Cnh Industrial con obiettivo di 9,50-10,50 euro, Fca con target di 14-15 euro in scia ai dati sulle immatricolazioni a ottobre in Europa di nuove auto, Prysmian con obiettivo di 21,50-22,50 euro e Telecom Italia con fair value di 0,70-0,80 euro.

Mediobanca valuta outperform: Alkemy con prezzo obiettivo di 8 euro in scia alla conferma della guidance per l’esercizio in corso, Enav con target price di 5,20 euro nonostante il calo del traffico aereo di rotta in Europa del 59% da inizio anno, Enel con fair value di 8,60 euro (Enel Chile ha iniziato la costruzione di un impianto per l’energia solare da 163 MW nel deserto dell’Atacama), Garofalo Health Care con obiettivo di 6,20 euro dopo la trimestrale, Hera con target di 4 euro (entrato nell’indice Dow Jones Sustainability), Inwit con fair value di 13,40 euro (in partnership con Philip Morris è entrato nel business dell’Industria 4.0), Poste Italiane con target di 11 euro dopo l’acquisizione di Nexi e Telecom Italia con obiettivo di 0,63 euro (partnership con Atos per lo sviluppo del cloud).

Alantra assegna un buy a: Eurotech con obiettivo di 4,80 euro (la sua piattaforma di integrazione loTEveryware Cloud è stata scelta da Came per la gestione remota dei suoi dispositivi intelligenti).

EnVent giudica buy: Dba Group con target di 1,56 euro e Illa con fair value di 0,56 euro.

Autore: Finanzaoperativa.com Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online