Italia markets closed
  • Dow Jones

    27.504,18
    -181,20 (-0,65%)
     
  • Nasdaq

    11.416,33
    +57,39 (+0,51%)
     
  • Nikkei 225

    23.485,80
    -8,54 (-0,04%)
     
  • EUR/USD

    1,1818
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • BTC-EUR

    11.544,28
    +444,93 (+4,01%)
     
  • CMC Crypto 200

    270,43
    +9,14 (+3,50%)
     
  • HANG SENG

    24.787,19
    -131,59 (-0,53%)
     
  • S&P 500

    3.394,03
    -6,94 (-0,20%)
     

Buy&Sell: cosa comprare e cosa vendere oggi

Pietro Di Lorenzo
·2 minuti per la lettura

Il FtseMib disegna una white spinning top che fotografa un seduta volatile partita in negativo (sulla notizia di Donald Trump contagiato dal Coronavirus) e poi caratterizzata da un progressivo recupero.

L’indice interrompe la serie di 2 settimane negative consecutive chiudendo l’ottava con un rialzo dell’1.96%. Ma il bilancio dei primi 9 mesi dell’anno a Piazza Affari è comunque pesante (FtseMib -18.9%). Cinque blue chips importanti che lasciano sul terreno oltre metà del proprio valore:

  • Saipem: -66,22%;

  • Tenaris: -57,73%;

  • Bper Banca: -57,73%;

  • Leonardo: -53,83%;

  • Eni -53,08%.

I 5 titoli migliori sono:

  • Diasorin: 54,33%;

  • Nexi: 36,39%;

  • Amplifon: 21,84%;

  • Prysmian: 17,59%;

  • Recordati: 17,38%.

Operativamente lo stato di salute di Trump condizionerà la campagna elettorale in vista del voto del 3 Novembre e quindi anche i mercati. E’ una ulteriore variabile esogena in un contesto già difficile da decifrare causa Coronavirus che deve indurre a preferire un trading di breve termine. I mercati nei prossimi giorni si muoveranno più sui bollettini medici relativi al presidente Usa e alle curve dei contagi Covid nel mondo, piuttosto che rispetto ai dati Economici/finanziari.

Tra i titoli interessanti per la prossima seduta, segnaliamo.

ENI riconosce il supporto in area 6.3€ disegnando una white closing Marubozu con volumi. Possibile che quello di venerdì sia un importante bottom di periodo.

BPM, come previsto, accelera con violenza a seguito del superamento della resistenza chiave a 1.53€. Chi fosse intervenuto fissi stop loss a 1.475€ e target a 1.8€.

SAIPEM mostra timidi segnali di reazione, ma come è evidente dal grafico (elaborato con Big Short Hunter) 7 investitori istituzionali non demordono nella loro strategia di scommettere sul ribasso del titolo. Attendiamo che costoro inizino a ricoprirsi per iniziare ad accumulare il titolo.

INTESA riconosce per la terza volta nelle 7 sedute il supporto a 1.55€. Possibile un tentativo di rimbalzo da questi livelli.

BANCA IFIS rimbalza sul supporto psicologico rappresentato da 8€. Possibile provare un Long con stop strettissimo.

Autore: Pietro Di Lorenzo Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online