Italia Markets closed

C'è ancora valore nel lusso? Diversi titoli suggeriti dai broker

Davide Pantaleo
 

A Piazza Affari la seduta odierna viene vissuta in positivo dai protagonisti del settore lusso, nel quale l'unica eccezione negativa è quella di Salvatore Ferragamo (Londra: 0P52.L - notizie) che continua a perdere terreno, cedendo l'1,78% e occupando l'ultima posizione nel paniere del Ftse Mib.

Luxottica (Milano: LUX.MI - notizie) sale dello 0,29%, a poca distanza da Moncler che guadagna lo 0,31%, mentre YNap avanza dello 0,4%.
Tra i titoli a minore capitalizzazione Safilo si apprezza dell'1,78%, mentre Geox (Londra: 0KHH.L - notizie) e Tod's guadagnano lo 0,27% e lo 0,33%, preceduti da Brunello Cucinelli che mette a segno un progresso del 2,45%.

Le strategie suggerite per Ferragamo e YNap

Nel (Londra: 0E4Q.L - notizie) comparto del lusso ci sono ancora opportunità da cogliere, a patto però di scegliere i titoli giusti e di adottare maggiore cautela con quelli che al momento offrono meno spunti interessanti.
In questa seconda categoria rientra senza dubbio Salvatore Ferragamo che proprio ieri è finito sotto la lente di Raymond James, i cui analisti hanno ribadito la raccomandazione "market perform" sul titolo, con un prezzo obiettivo ridotto da 22 a 21 euro.

Il broker ritiene che Salvatore Ferragamo possa perdere ancora terreno visto che il consensus dovrebbe tagliare gradualmente le stime sull'utile per azione dopo il recente profit warning del gruppo.
Nel caso peggiore secondo gli analisti il titolo potrebbe arriare a 18 euro, dove si materializzerebbero interessanti opportunità per un acquisto.

Sempre ieri Bryan Garnier ha migliorato la valutazione su Salvatore Ferragamo, con un target price ritoccato da 20,5 a 22,1 euro, mantenendo però fermo il rating "neutral".
In vista dei conti trimestrali il broker segnala che il momento per il gruppo è più debole rispetto al mercato di riferimento.

Contrastati i giudizi su YNap sul quale ieri Hsbc ha ribadito la raccomandazione "buy", con un target price tagliato da 37 a 35,5 euro. Quest'ultima mossa riflette una revisione delle stime che sono state abbassate del 6%-8% con riferimento all'Ebitda per via del cambio sfavorevole.
Secondo gli analisti è improbabile ora che YNap raggiunga l'obiettivo di Ebitda margin 2020, ma questo è già scontato dalle attese del consensus.

Diversa (Amburgo: XA6.HM - notizie) l'indicazione che giunge da Kepler Cheuvreux che poco prima di Natale ha reiterato il rating "hold" su YNap, con un fair value a 31 euro. Il broker ha assunto una visione un po' più cauta sulle stime relative all'anno in corso e al prossimo, tagliando del 5%-6% le previsioni sull'utile per azione. La sforbiciata è stata decisa per tenere conto di una crescita organica un po' più bassa, dell'impatto dei cambi sulla redditività e dei costi per il lancio dei nuovi centri logistici.

Sotto la lente Luxottica e Moncler

Sempre Kepler Cheuvreux punta invece su Luxottica che è da acquistare con un prezzo obiettivo alzato prima della fine del 2017 da 53 a 55 euro. In seguito all'approvazione della riforma fiscale Usa, di cui dovrebbe beneficiare anche Luxottica, gli analisti hanno alzato le stime sull'utile per azione del 6% con riferimento all'anno in corso e al prossimo.

Passando a Moncler, è improntato alla cautela il giudizio di Mediobanca Securities che ha una raccomandazione "neutral", con un target price a 26,2 euro. Gli analisti ritengono che un catalizzatore per il titolo potrebbe essere il Capital Market Day in agenda il prossimo 27 febbraio, il giorno seguente l'approvazione dei risultati del 2017 del gruppo.

A puntare su questo appuntamento è anche Equita SIM secondo l'evento può sostenere ulteriormente l'equity story di Moncler e la visibilità sulle crescite future. La SIM milanese mantiene una view bullish sul titolo con una raccomandazione "buy" e un fair value a 26,7 euro.

La view su Tod's e Brunello Cucinelli

Spostando lo sguardo sui titoli a minore capitalizzazione, Raymond James è bearish su Tod's, con un rating "underperform" e un prezzo obiettivo ritoccato verso l'alto da 50 a 51 euro. Secondo gli analisti il titolo continuerà a sottoperformare il settore del lusso anche durante l'anno in corso.

Cautela infine su Brunello Cucinelli malgrado la risposta positiva del mercato ai dati relativi al fatturato del 2017. Gli analisti di Equita SIM oggi hanno deciso di incrementare del 2% per il 2017 le stime sull'utile per azione, migliorandole dell'1% sul 2018.

Il giudizio sul titolo resta fermo a "hold", con un target price alzato da 22,3 a 26,5 euro, per tener conto di un premio sui peer più generoso", della crescente visibilità e di un ottimo momentum del brand.

Anche Kepler Cheuvreux su Brunello Cucinelli mantiene ferma la raccomandazione "hold", con un fair value aumentato da 24,2 a 28 euro. Dopo il fatturato del quarto trimestre 2017 il broker ha alzato le stime sull'utile per azione dello 0,8% per il 2017 e dell'1,8% per l'anno in corso.

Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online