Italia markets open in 4 hours 22 minutes
  • Dow Jones

    34.269,16
    -473,66 (-1,36%)
     
  • Nasdaq

    13.389,43
    -12,43 (-0,09%)
     
  • Nikkei 225

    28.451,23
    -157,36 (-0,55%)
     
  • EUR/USD

    1,2136
    -0,0016 (-0,13%)
     
  • BTC-EUR

    47.137,04
    +1.193,05 (+2,60%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.544,96
    +1.302,28 (+536,63%)
     
  • HANG SENG

    28.104,30
    +90,49 (+0,32%)
     
  • S&P 500

    4.152,10
    -36,33 (-0,87%)
     

Cacciato per un post, Ex Ilva conferma licenziamento

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·1 minuto per la lettura

Fumata nera dall'incontro previsto dalla procedura di raffreddamento tra la direzione dell'Ex Ilva di Taranto e Fim, Fiom e Uilm sul licenziamento di Riccardo Cristello, cacciato dall'azienda per aver condiviso su Facebook l'invito a seguire la fiction 'Svegliati Amore Mio' con un messaggio che la multinazionale dell'acciaio ha definito 'denigratorio'. L'azienda infatti ha confermato l'allontanamento del lavoratore e i sindacati hanno rilanciato lo sciopero a Taranto di 24 ore, già proclamato nei giorni scorsi, per il 23 aprile prossimo con manifestazione a Roma, sotto al Mise.

"Riteniamo inaccettabile l'atteggiamento della multinazionale che continua a non voler aprire un confronto di merito con le organizzazioni sindacali al fine di evitare ulteriori tensioni sociali tra i lavoratori. Tale situazione non fa altro che rafforzare la piattaforma rivendicativa di Fim, Fiom e Uilm di Taranto in vista della campagna di assemblee promossa in questi giorni", dicono in una nota. "Pertanto, riteniamo indispensabile aprire un confronto con i Ministri dello Sviluppo Economico e del Lavoro per porre fine a questa situazione di assoluta incertezza che vivono i lavoratori sociali e dell’appalto dello stabilimento siderurgico", concludono.

In una nota la replica di Arcelor Mittal Italia: "L'azienda non ha ricevuto alcuna richiesta di confronto da parte del dipendente licenziato ma ribadisce la propria disponibilità ad un confronto analogo a quello avuto recentemente con l'altro dipendente, all’esito del quale, a fronte della presentazione di adeguate scuse, l’azienda ha deciso di revocare il licenziamento". "Anzi ribadisce - dice ancora l'azienda - che le giustificazioni formulate per iscritto dallo stesso non fanno che confermare le motivazioni della sanzione disciplinare".