Italia markets open in 6 hours 57 minutes

Caio (Saipem): stato azionista in grandi aziende opportunit

Sen

Roma, 1 lug. (askanews) - "La politica che viene coinvolta nella gestione del paese necessaria affinch lo Stato sia in qualche modo azionista perch attraverso queste grandi piattaforme industriali di servizi finanziari e tecnologiche pu contribuire all'attuazione di politiche industriali orientate al bene comune. Dobbiamo riuscire a identificare dei meccanismi che concilino la necessit di consenso della classe politica con il raccordo su progetti di lungo orizzonte. Uno Stato azionista, che coordina ferrovie, trasporto intermodale, digitalizzazione dei territori, ospedalizzazione distribuita, fascicolo sanitario elettronico, avrebbe una grande potenzialit e rappresenterebbe una grande opportunit di crescita. Ci sono palesemente delle grandi condizioni favorevoli perch lo Stato possa contribuire alla gestione delle grandi imprese nazionali senza limitarsi solo alla nomina dei vertici". A dirlo Francesco Caio, Presidente di Saipem, nel corso del suo intervento alla presentazione in streaming del Rapporto sulle Imprese pubbliche italiane della Commissione Imprese e Sviluppo, costituita nell'ambito del Forum Disuguaglianze e Diversit.

"Il Covid - ha concluso - ha evidenziato la necessit di mettersi al lavoro su grandi progetti per il bene comune. Siamo in un'epoca molto fertile per obiettivi alti, se pensiamo ai grandi temi del climate change, della transizione energetica, dell'invecchiamento del nuovo welfare, della tecnologia in tutte le sue forme e dell'inclusione sociale. Sono obiettivi che sono centrali per la creazione di un paese pi giusto pi inclusivo pi dinamico che possa garantire a chi ci segue un patto generazionale diverso ma richiede uno Stato paziente, competente, trasparente che non si devi dai grandi obiettivi che possono orientare al futuro il nostro Paese".