Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.714,16
    -100,23 (-0,29%)
     
  • Nasdaq

    15.143,15
    -18,38 (-0,12%)
     
  • Nikkei 225

    30.323,34
    -188,37 (-0,62%)
     
  • EUR/USD

    1,1759
    -0,0067 (-0,56%)
     
  • BTC-EUR

    40.454,42
    -597,50 (-1,46%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.221,66
    -11,63 (-0,94%)
     
  • HANG SENG

    24.667,85
    -365,36 (-1,46%)
     
  • S&P 500

    4.468,05
    -12,65 (-0,28%)
     

Calcio: bruciati quasi 2 mld di ricavi da stadi vuoti, Bundesliga il campionato europeo più penalizzato

·1 minuto per la lettura

Le misure adottate nel mondo calcio per contenere la pandemia da Covid, con le partite giocate a porte chiuse nei cinque principali campionati europei, hanno avuto un pesante impatto sui bilanci dei club. Secondo lo studio di Kpmg, dalla primavera del 2020 il numero di partite con pubblico nella stagione 2019/2020 è diminuito del 27% nei cinque grandi campionati europei, contribuendo direttamente a far scendere i ricavi di giornata in maniera significativa, ovvero di circa 500 milioni di euro, fino a -1,9 miliardi di euro tra biglietteria, sponsor, merchandising, catering. L'impatto più forte è stato subito dalla Bundesliga, essendo il campionato con il più alto numero medio di spettatori per partita al mondo, con 157 milioni di euro di perdite per i 18 club. Mentre la Ligue 1 ha perso tre volte di meno (48 milioni). A livello di club, il Barcellona è stato quello più colpito tra le cinque grandi squadre della lega, con una contrazione di 39 milioni di euro di entrate relative al match day, poiché il Camp Nou, un'attrazione turistica di per sé con 73.588 spettatori, registrava la terza presenza media di spettatori più alta dietro Borussia Dortmund e Bayern Monaco. Kpmg ritiene che la stagione appena iniziata offrirà solo un parziale recupero di queste perdite.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli