Italia markets open in 6 hours 46 minutes
  • Dow Jones

    29.225,61
    -458,13 (-1,54%)
     
  • Nasdaq

    10.737,51
    -314,13 (-2,84%)
     
  • Nikkei 225

    26.422,05
    0,00 (0,00%)
     
  • EUR/USD

    0,9828
    +0,0009 (+0,09%)
     
  • BTC-EUR

    19.894,62
    -75,47 (-0,38%)
     
  • CMC Crypto 200

    446,35
    +0,37 (+0,08%)
     
  • HANG SENG

    17.165,87
    -85,01 (-0,49%)
     
  • S&P 500

    3.640,47
    -78,57 (-2,11%)
     

In calo penalizzata da titoli 'growth', Target pesa su settore retail

Un cartello stradale di Wall Street davanti all'ingresso della Borsa di New York

(Reuters) - I principali indici di Wall Street sono in ribasso, con i titoli 'growth' nuovamente sotto pressione mentre salgono i rendimenti dei Treasury in vista dei verbali della riunione di luglio della Federal Reserve, con i deboli risultati di Target che trascinano al ribasso il settore retail.

Intorno alle 16,35, il Dow Jones è in calo di 189,90 punti, o 0,56%, a 33.962,11, lo S&P 500 cede 32,78 punti, o 0,77%, a 4.271,78, e il Nasdaq Composite perde 165,59 punti, o 1,25%, a 12.940,32.

I risultati del settore retail sono stati misti questa settimana, con Target che perde il 2% dopo aver registrato un calo del 90% degli utili trimestrali a causa della riduzione della spesa in beni discrezionali da parte dei consumatori, che risentono dell'inflazione.

Il settore retail dell'S&P 500 perde l'1,2%, dopo aver guadagnato l'1,9% nella seduta precedente grazie agli incoraggianti risultati trimestrali di Walmart e Home Depot.

I titoli tech e 'high-growth' come Amazon.com e Nvidia scendono di oltre il 2% ciascuno, mentre i rendimenti del Treasury salgono per la seconda seduta consecutiva.

La catena di negozi di articoli per la casa Lowe's Cos guadagna il 3,1% dopo aver registrato un utile trimestrale migliore del previsto.

L'attenzione è rivolta alla pubblicazione dei verbali della riunione di luglio della Federal Reserve, che potrebbero fornire indizi sull'entità di ulteriori aumenti dei tassi di interesse, dopo che i banchieri centrali hanno ribadito l'intenzione di aumentare i tassi fino a quando l'inflazione non sarà sotto controllo.

(Tradotto da Chiara Scarciglia, editing Sabina Suzzi)