Italia markets close in 6 hours 39 minutes
  • FTSE MIB

    24.391,25
    -4,76 (-0,02%)
     
  • Dow Jones

    34.269,16
    -473,66 (-1,36%)
     
  • Nasdaq

    13.389,43
    -12,43 (-0,09%)
     
  • Nikkei 225

    28.147,51
    -461,08 (-1,61%)
     
  • Petrolio

    65,36
    +0,08 (+0,12%)
     
  • BTC-EUR

    46.841,49
    +790,31 (+1,72%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.539,99
    +1.297,31 (+534,58%)
     
  • Oro

    1.831,10
    -5,00 (-0,27%)
     
  • EUR/USD

    1,2142
    -0,0010 (-0,08%)
     
  • S&P 500

    4.152,10
    -36,33 (-0,87%)
     
  • HANG SENG

    28.231,04
    +217,23 (+0,78%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.945,58
    -0,48 (-0,01%)
     
  • EUR/GBP

    0,8582
    -0,0007 (-0,08%)
     
  • EUR/CHF

    1,0975
    -0,0003 (-0,03%)
     
  • EUR/CAD

    1,4667
    -0,0025 (-0,17%)
     

In calo, scenario domanda peggiora su aumento casi Covid in India

·2 minuto per la lettura
Pompe petroifere davanti a una piattaforma di perforazione in un giacimento petrolifero a Midland, Texas,

LONDRA (Reuters) - I prezzi del greggio scivolano, zavorrati dai timori che una recrudescenza di contagi da Covid-19 in India possa ridurre la domanda del terzo Paese al mondo per importazioni di petrolio.

Alle 12,20 i futures sul Brent per il contratto di giugno cedono 67 centesimi, o circa l'1%, a 65,91 dollari al barile, avviandosi a registrare la flessione giornaliera più marcata in oltre due settimane.

I futures sul greggio Usa per il contratto di giugno perdono 74 centesimi, o l'1,2%, a 61,93 dollari al barile. Il contratto di maggio, scaduto ieri, in calo dell'1,5%, a 62,44 dollari al barile.

"Ieri i timori relativi alla domanda sono tornati sotto i riflettori, a causa di un forte aumento di casi di coronavirus in tutto il mondo. Da nessuna parte però questo è evidente come in India", secondo gli analisti di Pvm.

A scoraggiare ulteriormente il mercato sono i dati dell'American Petroleum Institute (Api), che hanno mostrato un aumento delle scorte di prodotti distillati nella settimana terminata il 16 aprile, secondo due fonti di mercato.

Le riserve di greggio sono cresciute di 436.000 barili, secondo le fonti che hanno citato l'Api. La Energy Information Administration (Eia) pubblicherà i dati relativi alle scorte in giornata. Per le stime Rueters in merito ai dati Eia cliccare.

Ad incrementare le possibilità di ulteriori forniture di petrolio ci sono anche i colloqui tra Iran e le potenze mondiali volti a salvare l'accordo sul nucleare del 2015 che, se dovessero andare in porto, potrebbero portare al ritiro delle sanzioni e a un ritorno sul mercato del greggio iraniano.

Tuttavia, le grandi aziende impegnate nel commercio del petrolio stanno accumulando diesel e cherosene nelle superpetroliere di Asia e Africa, in previsione di un aumento dei prezzi nei prossimi mesi, in seguito alle vaccinazioni contro il coronavirus.

(Tradotto in redazione a Danzica da Michela Piersimoni, in redazione a Milano Cristina Carlevaro, michela.piersimoni@thomsonreuters.com, +48 587696616)