Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.744,38
    +215,68 (+0,88%)
     
  • Dow Jones

    34.200,67
    +164,67 (+0,48%)
     
  • Nasdaq

    14.052,34
    +13,54 (+0,10%)
     
  • Nikkei 225

    29.683,37
    +40,67 (+0,14%)
     
  • Petrolio

    63,07
    -0,06 (-0,10%)
     
  • BTC-EUR

    46.840,94
    -4.721,82 (-9,16%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.398,97
    +7,26 (+0,52%)
     
  • Oro

    1.777,30
    -2,90 (-0,16%)
     
  • EUR/USD

    1,1980
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • S&P 500

    4.185,47
    +15,05 (+0,36%)
     
  • HANG SENG

    28.969,71
    +176,61 (+0,61%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.032,99
    +39,56 (+0,99%)
     
  • EUR/GBP

    0,8652
    -0,0031 (-0,35%)
     
  • EUR/CHF

    1,1006
    -0,0027 (-0,24%)
     
  • EUR/CAD

    1,4974
    -0,0036 (-0,24%)
     

Cambio EUR/USD Ancora Piatto: Manca la Spinta Rialzista Verso 1,18

Alberto Ferrante
·2 minuto per la lettura

Il Cambio EUR/USD ha chiuso la sua ultima corsa settimanale a 1,1793, con un ultimo rialzo che ha mirato a superare la resistenza di 1,18 prima del closing settimanale, senza successo.

Il Fiber ha però avuto modo di ridurre le perdite di una settimana disastrosa a causa del rafforzamento del dollaro statunitense contro le principali divise mondiali e della debolezza dell’euro, a sua volta determinata dalla lentezza nel deployment dei piani di vaccinazione.

Attualmente, alle ore 10:10, il cambio EUR/USD si trova a 1,1783, mentre l’indice del dollaro statunitense segna 92,78 punti.

Il Calendario Economico per questa settimana

Per questa settimana, il calendario economico non è particolarmente fitto di eventi rilevanti per il cambio EUR/USD, ma occorrerà comunque prestare attenzione a diversi dati europei.

In primo luogo, a pesare sul cambio EUR/USD saranno gli aggiornamenti sul tasso di disoccupazione tedesco e nella giornata di domani tutti gli indici PMI manifatturieri in Europa, prevalentemente in Germania, Italia e Spagna. Di rilievo anche l’aggiornamento sulle vendite al dettaglio tedesche.

Previsioni settimanali per il cambio EUR/USD

Con l’euro che ha recentemente raggiunto i minimi di Novembre 2020 prima di riprendere leggermente quota, un mancato superamento (stabile) della resistenza a 1,18 e della successiva a 1,1850 potrebbe indicare il mantenimento della pressione ribassista sulla moneta unica.

Le prospettive sono infatti per un recupero dell’economia europea sicuramente tardivo rispetto agli Stati Uniti e ciò pesa su qualsiasi scenario rialzista.

Per questa prima giornata attualmente priva di spunti, se il cambio EUR/USD riuscisse a mantenersi sopra il primo livello supporto di 1,1775, allora potrebbe tentare un rialzo verso 1,18 e poi testare la successiva resistenza a 1,1830.

Infranto il supporto a 1,1775, il cambio EUR/USD potrebbe invece portarsi ancora in calo fino a 1,1750 e poi verso il successivo supporto a 1,1720.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: