Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.363,02
    -153,44 (-0,60%)
     
  • Dow Jones

    34.935,47
    -149,06 (-0,42%)
     
  • Nasdaq

    14.672,68
    -105,59 (-0,71%)
     
  • Nikkei 225

    27.283,59
    -498,83 (-1,80%)
     
  • Petrolio

    73,81
    +0,19 (+0,26%)
     
  • BTC-EUR

    35.717,06
    +203,68 (+0,57%)
     
  • CMC Crypto 200

    955,03
    +5,13 (+0,54%)
     
  • Oro

    1.812,50
    -18,70 (-1,02%)
     
  • EUR/USD

    1,1872
    -0,0024 (-0,20%)
     
  • S&P 500

    4.395,26
    -23,89 (-0,54%)
     
  • HANG SENG

    25.961,03
    -354,29 (-1,35%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.089,30
    -27,47 (-0,67%)
     
  • EUR/GBP

    0,8534
    +0,0018 (+0,21%)
     
  • EUR/CHF

    1,0739
    -0,0026 (-0,25%)
     
  • EUR/CAD

    1,4790
    +0,0001 (+0,00%)
     

Cambio EUR/USD: Fiber Apparentemente Senza una Direzione in Questa Chiusura Settimanale

·2 minuto per la lettura

Il cambio EUR/USD non pare ancora in grado di incanalarsi verso un trend ben definito e anche nella scorsa sessione di scambi si è mostrato molto incerto.

Dopo il rimbalzo iniziale di due giorni fa, che aveva portato il prezzo dai minimi di Aprile a 1,1860 e poi a 1,1830, nella serata di ieri il prezzo si è contratto ulteriormente e il cambio EUR/USD ha nuovamente sfiorato il supporto a 1,18.

Stamattina, alle ore 8:00, il cambio EUR/USD si trova a 1,1809 mentre l’indice del dollaro statunitense si è mantenuto stabile intorno ai 92,5 punti.

Previsioni sul cambio EUR/USD per la chiusura settimanale

Il livello che continua ad attirare maggiore attenzione nell’attuale banda di prezzo è quello di 1,1850. Infatti, anche nella sessione di scambio di ieri il raggiungimento di questo valore ha scatenato importanti volumi di vendita che hanno fatto retrocedere nuovamente il cambio EUR/USD.

Per questa ragione, il livello di 1,1850 si conferma il baricentro principale per il cambio EUR/USD, in grado di rallentare nuovi rialzi, soprattutto se non supportati da solidi market movers.

Per la chiusura di oggi, un calo verso la linea di supporto di 1,18 e oltre indicherebbe la ripresa di una pressione ribassista che potrebbe protrarsi fino alla prossima settimana.

Invece, un rialzo o un consolidamento verso 1,1850 permetterebbe al cambio EUR/USD di raccogliere le energie sufficienti per un rally più netto la settimana prossima.

Se già quest’oggi si dovesse superare il livello di 1,1850 allora probabilmente il rialzo del prezzo subirebbe un’interruzione intorno alla resistenza intermedia di 1,1880.

Un superamento della soglia di 1,19 indicherebbe l’accelerazione della spinta rialzista che potrebbe finalmente e definitivamente permettere al cambio EUR/USD di riprendere quota fino ai valori precedenti al crollo, quando il prezzo si muoveva ancora ben sopra la soglia di 1,20.

I principali market movers di oggi

Per la chiusura di oggi, sul fronte del cambio EUR/USD gli occhi saranno puntati sulle vendite al dettaglio negli Stati Uniti, previste in miglioramento rispetto all’ultimo aggiornamento.

Si conosceranno in mattinata anche le bilance commerciali in Italia e in Spagna.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE:

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli