Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.429,41
    -147,10 (-0,60%)
     
  • Dow Jones

    33.800,60
    +297,03 (+0,89%)
     
  • Nasdaq

    13.900,19
    +70,88 (+0,51%)
     
  • Nikkei 225

    29.768,06
    +59,08 (+0,20%)
     
  • Petrolio

    59,34
    -0,26 (-0,44%)
     
  • BTC-EUR

    50.283,77
    -829,93 (-1,62%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.235,89
    +8,34 (+0,68%)
     
  • Oro

    1.744,10
    -14,10 (-0,80%)
     
  • EUR/USD

    1,1905
    -0,0016 (-0,13%)
     
  • S&P 500

    4.128,80
    +31,63 (+0,77%)
     
  • HANG SENG

    28.698,80
    -309,27 (-1,07%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.978,84
    +1,01 (+0,03%)
     
  • EUR/GBP

    0,8682
    +0,0008 (+0,09%)
     
  • EUR/CHF

    1,0997
    -0,0015 (-0,14%)
     
  • EUR/CAD

    1,4909
    -0,0055 (-0,36%)
     

Cambio EUR/USD: Interrotta la Fase Laterale, l’Euro Infrange il Supporto

Alberto Ferrante
·2 minuto per la lettura

Il Cambio EUR/USD si è contratto ulteriormente nella seduta di ieri, probabilmente a causa delle attese degli analisti per la riunione della Federal Reserve.

A tal proposito, si prevede che la Fed possa lasciare i tassi di interesse inalterati e che non intervenga particolarmente sull’attuale politica monetaria, tracciata già negli scorsi mesi.

A pesare sul dollaro sono stati anche i rendimenti dei titoli del tesoro statunitensi, e in tal senso le attese sono per un commento ufficiale della Federal Reserve.

Previsioni sul Cambio EUR/USD

Nonostante ciò, l’euro non è riuscito a mostrarsi rialzista e attualmente, alle ore 9:00 di oggi, si trova a 1,1893. A contribuire alla debolezza della moneta unica è stata anche, in parte, la sospensione del vaccino AstraZeneca, che ha lasciato presumere agli investitori un rallentamento della campagna di vaccinazione su base internazionale.

Il principale livello di supporto si trovava a 1,19 ed è stato appena infranto; il successivo resta a quota 1,1836. Tra queste due soglie, c’è quella di 1,1880 che in passato ha fornito un discreto sostegno al cambio EUR/USD.

Se invece la moneta unica dovesse riuscire a imporsi sul biglietto verde quanto basta per superare nuovamente quota 1,19, allora si potrebbe restaurare una fase laterale tra 1,1900 e 1,1960, in attesa delle decisioni della Fed e degli altri market movers della settimana.

Cambiando lente e osservando l’andamento per le prossime settimane, la fase laterale potrebbe invece abbracciare il supporto a 1,1840 e la resistenza a 1,2030. Una chiusura, questa settimana, sotto quota 1,1840 modificherebbe sensibilmente il quadro tecnico testimoniando una maggiore fragilità dell’euro.

L’indice del dollaro statunitense si mostra invece ancora rialzista, a quota 91,91 punti e con l’ambizione di superare (sfruttando la volatilità attuale) la resistenza rappresentata dai 92 punti.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: