Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.218,16
    -495,44 (-1,93%)
     
  • Dow Jones

    33.290,08
    -533,37 (-1,58%)
     
  • Nasdaq

    14.030,38
    -130,97 (-0,92%)
     
  • Nikkei 225

    28.964,08
    -54,25 (-0,19%)
     
  • Petrolio

    71,50
    +0,46 (+0,65%)
     
  • BTC-EUR

    29.944,75
    -340,16 (-1,12%)
     
  • CMC Crypto 200

    888,52
    -51,42 (-5,47%)
     
  • Oro

    1.763,90
    -10,90 (-0,61%)
     
  • EUR/USD

    1,1865
    -0,0045 (-0,38%)
     
  • S&P 500

    4.166,45
    -55,41 (-1,31%)
     
  • HANG SENG

    28.801,27
    +242,68 (+0,85%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.083,37
    -74,77 (-1,80%)
     
  • EUR/GBP

    0,8590
    +0,0041 (+0,49%)
     
  • EUR/CHF

    1,0935
    +0,0016 (+0,15%)
     
  • EUR/CAD

    1,4786
    +0,0075 (+0,51%)
     

Cambio EUR/USD: La Resistenza a 1,23 Blocca Ancora i Rialzi

·2 minuto per la lettura

Il cambio EUR/USD ha perso terreno nelle ultime ore, spingendosi ieri sera sotto il livello di 1,22.

Sebbene la tendenza di breve termine resti rialzista, evidentemente l’area di prezzo tra 1,2250 e 1,23 attrae l’attenzione degli investitori con forti realizzi che spingono in calo il Fiber.

Non è però da escludere un nuovo tentativo di rottura della resistenza già prima della chiusura settimanale di domani.

Stamattina, alle ore 08:00, il cambio EUR/USD si trova a 1,2197 e l’indice del dollaro statunitense segna i 90,04 punti, poco sopra la soglia critica di 90 punti che ha rappresentato una solida resistenza questa settimana.

Previsioni giornaliere sul cambio EUR/USD

Come sopra accennato, il livello di resistenza principale per il cambio EUR/USD è ancora quello di 1,23, che rappresenta un’area in grado di attirare molta attenzione.

Se questo livello dovesse effettivamente essere superato, nel lungo termine si potrebbe guardare anche alla resistenza successiva di 1,25. Nel breve termine, al superamento potrebbe invece seguire un consolidamento sopra questo valore.

Tuttavia, come sopra accennato, il livello di 1,23 potrebbe causare molto rumore, come fatto fino alla giornata di ieri, quando il cambio EUR/USD ha raggiunto il minimo degli ultimi due giorni sotto 1,22 e l’indice del dollaro statunitense ha superato nuovamente i 90 punti.

Se questa prima resistenza dovesse rivelarsi particolarmente ardua da superare anche nei prossimi tentativi, non è da escludere un consolidamento del prezzo tra 1,22 e 1,2280. Il rischio, per i traders bullish, è che i successivi rimbalzi possano spingere il cambio EUR/USD fin sotto i livelli di 1,2180 e di 1,2160, che rappresentano le principali zone di supporto.

Con il cambio EUR/USD sotto il livello di 1,21 si potrebbe assistere a un’inversione di tendenza verso nuovi target ribassisti. Attenzione anche la livello di 1,213 che rappresenta la media semplice a 20 giorni.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE:

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli