Italia markets close in 5 hours 56 minutes
  • FTSE MIB

    25.431,74
    +75,59 (+0,30%)
     
  • Dow Jones

    35.116,40
    +278,24 (+0,80%)
     
  • Nasdaq

    14.761,29
    +80,23 (+0,55%)
     
  • Nikkei 225

    27.584,08
    -57,75 (-0,21%)
     
  • Petrolio

    70,29
    -0,27 (-0,38%)
     
  • BTC-EUR

    31.847,99
    -898,95 (-2,75%)
     
  • CMC Crypto 200

    923,48
    -19,96 (-2,12%)
     
  • Oro

    1.815,10
    +1,00 (+0,06%)
     
  • EUR/USD

    1,1862
    -0,0006 (-0,05%)
     
  • S&P 500

    4.423,15
    +35,99 (+0,82%)
     
  • HANG SENG

    26.426,55
    +231,73 (+0,88%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.145,04
    +27,09 (+0,66%)
     
  • EUR/GBP

    0,8514
    -0,0011 (-0,13%)
     
  • EUR/CHF

    1,0728
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • EUR/CAD

    1,4868
    -0,0002 (-0,01%)
     

Cambio EUR/USD: Lievi Rialzi per Approcciare il Target Bullish di 1,20

·2 minuto per la lettura

Il cambio EUR/USD si trova stamattina alle ore 8:15 in lieve rialzo a 1,1940, mentre l’indice del dollaro statunitense si è contratto a 91,763 punti.

Nel complesso, nella sessione di scambi di ieri il cambio EUR/USD ha registrato un sensibile rialzo, con volumi di scambi comunque paragonabili a quelli della settimana precedente. Probabilmente, il cross tenterà di stabilizzarsi anche nella chiusura weekly di oggi, in attesa di trovare stimolo sufficiente per riprendere il target di 1,20.

Previsioni per la chiusura settimanale del cambio EUR/USD

Per la sua chiusura settimanale, il cambio EUR/USD potrebbe continuare a consolidarsi con lievi rialzi almeno fino ai minimi di febbraio di 1,1955 e poi verso il livello di 1,1985.

In caso di una forte spinta rialzista, invece, il prezzo potrebbe superare la media semplice a 200 giorni sita a 1,1997 per infrangere la resistenza di 1,20 e guadagnare una forte trazione per le quotazioni.

Al ribasso, invece, il primo valore da superare è il supporto a 1,1920 che corrisponde anche all’ultimo minimo giornaliero. Se il cambio EUR/USD dovesse rapidamente portarsi fin sotto 1,19 allora la moneta unica si ritroverebbe nuovamente dentro una raffica di vendite che potrebbe spingere le quotazioni fin sotto il livello di 1,1850 che, oltre a rappresentare il supporto principale di breve termine, coincide anche con i minimi settimanali.

Il Calendario Economico per la chiusura settimanale del Fiber

Questa settimana terminerà senza particolari sorprese dall’Eurozona, con il solo market mover rilevante rappresentato dalla fiducia dei consumatori in Germania, che non dovrebbe impattare particolarmente sul Fiber.

Nessun dato di rilievo, invece, dagli Stati Uniti. Un calo dell’indice del dollaro USA verso il supporto principale di 91,5 potrebbe però garantire al cambio EUR/USD una spinta rialzista sufficiente a raggiungere i primi target di resistenza sopra evidenziati.

Nel complesso, salvo particolari novità, il range per il Fiber resta quello compreso tra 1,1850 e 1,19701.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE:

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli