Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.717,42
    +79,23 (+0,31%)
     
  • Dow Jones

    34.479,60
    +13,36 (+0,04%)
     
  • Nasdaq

    14.069,42
    +49,09 (+0,35%)
     
  • Nikkei 225

    28.948,73
    -9,83 (-0,03%)
     
  • Petrolio

    70,78
    +0,49 (+0,70%)
     
  • BTC-EUR

    29.550,63
    -1.208,24 (-3,93%)
     
  • CMC Crypto 200

    924,19
    -17,62 (-1,87%)
     
  • Oro

    1.879,50
    -16,90 (-0,89%)
     
  • EUR/USD

    1,2107
    -0,0071 (-0,58%)
     
  • S&P 500

    4.247,44
    +8,26 (+0,19%)
     
  • HANG SENG

    28.842,13
    +103,25 (+0,36%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.126,70
    +30,63 (+0,75%)
     
  • EUR/GBP

    0,8581
    -0,0004 (-0,05%)
     
  • EUR/CHF

    1,0870
    -0,0021 (-0,20%)
     
  • EUR/CAD

    1,4713
    -0,0008 (-0,05%)
     

Cambio EUR/USD: Nuovo Rimbalzo nelle Ultime Ore Nonostante Dati PIL Tedesco

·2 minuto per la lettura

Il cambio EUR/USD ha vissuto una sessione di scambi non particolarmente movimentata, con il prezzo che è rimasto stabile poco sopra il livello di 1,22.

La scarsa volatilità è stata determinata essenzialmente dall’assenza di market movers rilevanti, sia in Europa che negli Stati Uniti. Quest’oggi si attendono invece alcuni dati di rilievo che potrebbero influire sul Fiber.

Stamattina, alle ore 09:25, il cambio EUR/USD si trova a 1,2257 mentre l’indice del dollaro USA mostra un nuovo calo a quota 89,58, vicino al supporto intermedio.

Previsioni giornaliere sul cambio EUR/USD

Nell’ultima sessione di scambi di ieri il cambio EUR/USD aveva raggiunto un massimo intraday di 1,2229 prima di tornare a scendere e poi stabilizzarsi.

Stamattina, il Fiber si mostra invece nuovamente rialzista grazie al calo dei rendimenti USA e alla debolezza del dollaro contro le principali divise.

Il cambio EUR/USD ha dunque continuato a muoversi in rialzo fino a raggiungere la prima resistenza a 1,2245, tenendosi lontano dal principale supporto a 1,2160 anche grazie al livello intermedio di 1,2180 che ha fornito sostegno sufficiente in passato.

L’ipotesi rialzista vedrebbe anche il raggiungimento di un target di 1,23, ma si ritiene più verosimile assistere a un consolidamento sotto questo livello nel corso della settimana, più che a uno sfondamento guidato dalla debolezza del dollaro USA.

Se però si considerano i market movers di questa settimana e di questi primi giorni, non è da escludere che il cambio EUR/USD possa offrire maggiori spunti.

Il primo dato della giornata è già disponibile e non risulta particolarmente favorevole per il Fiber. Infatti, il PIl trimestrale aggiornato per la Germania mostra un calo del -1,8% su base trimestrale, a causa del lockdown che ha caratterizzato gli ultimi mesi.

Il market mover principale sarà però rappresentato dall’indice IFO sulla fiducia delle aziende, considerato come sempre un segnale anticipatore della produzione industriale in UE.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: