Italia markets close in 4 hours 3 minutes
  • FTSE MIB

    25.425,87
    +74,27 (+0,29%)
     
  • Dow Jones

    34.838,16
    -97,31 (-0,28%)
     
  • Nasdaq

    14.681,07
    +8,39 (+0,06%)
     
  • Nikkei 225

    27.641,83
    -139,19 (-0,50%)
     
  • Petrolio

    71,51
    +0,25 (+0,35%)
     
  • BTC-EUR

    32.500,27
    -1.028,38 (-3,07%)
     
  • CMC Crypto 200

    939,95
    -20,95 (-2,18%)
     
  • Oro

    1.809,60
    -8,50 (-0,47%)
     
  • EUR/USD

    1,1896
    +0,0020 (+0,17%)
     
  • S&P 500

    4.387,16
    -8,10 (-0,18%)
     
  • HANG SENG

    26.194,82
    -40,98 (-0,16%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.124,44
    +7,82 (+0,19%)
     
  • EUR/GBP

    0,8533
    -0,0018 (-0,21%)
     
  • EUR/CHF

    1,0731
    -0,0014 (-0,13%)
     
  • EUR/CAD

    1,4865
    +0,0023 (+0,16%)
     

Cambio EUR/USD: Possibile Ripartenza verso 1,1860 dopo il Calo dei Decennali USA

·2 minuto per la lettura

In lieve rialzo il cambio EUR/USD nella giornata della chiusura weekly grazie a un calo del dollaro e dei rendimenti dei decennali statunitensi.

La settimana in breve per il Fiber

È stata una settimana ricca di sorprese per il cambio EUR/USD, che dopo una stasi iniziale sopra 1,1850 ha toccato un picco a 1,1894 per poi crollare verso nuovi minimi relativi a 1,18. Il rimbalzo che ha portato il prezzo intorno a 1,1840 risale alla giornata di ieri e quest’oggi gli occhi sono puntati verso alcuni market movers di rilievo che potrebbero fornire indicazioni per i movimenti futuri del Fiber.

Stamattina, alle ore 9:00, il cambio EUR/USD si trova a quota 1,1830 mentre l’indice del dollaro statunitense è rimasto sopra la resistenza a 92,5 punti.

Previsioni per la chiusura settimanale del cambio EUR/USD

Sembra ancora troppo presto per parlare della fine della fase ribassista per il cambio EUR/USD, ma gli ultimi movimenti di questa settimana hanno lasciato intendere che probabilmente c’è ancora spazio per tentativi rialzisti anche fino al livello di 1,19.

Nel breve termine, il ritorno ai livelli di 1,1860 potrebbe permettere al cambio EUR/USD di attraversare rapidamente la fascia di resistenza di 1,1880 e riportarsi verso 1,19. Si tratta di un valore ottimale da cui ripartire per riportare il cambio EUR/USD ai livelli precedenti all’ultimo crollo. In questo contesto, assume particolare rilevanza il valore di 1,1925 che coincide attualmente con la media semplice a 20 giorni.

Al ribasso, invece, un nuovo rafforzamento del dollaro statunitense e un rialzo dei titoli decennali USA potrebbe spingere nuovamente il cambio EUR/USD sotto il livello critico di 1,18 e verso nuove soglie di supporto, prima tra tutte quella a 1,1750.

Limitando però l’analisi alla chiusura settimanale di oggi, il cambio EUR/USD potrebbe continuare a muoversi tra 1,1820 e 1,1880 in attesa dell’aggiornamento sulle richieste iniziali di sussidi di disoccupazione USA e del discorso di Christine Lagarde, Presidente della BCE.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE:

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli