Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.717,42
    +79,23 (+0,31%)
     
  • Dow Jones

    34.479,60
    +13,36 (+0,04%)
     
  • Nasdaq

    14.069,42
    +49,09 (+0,35%)
     
  • Nikkei 225

    28.948,73
    -9,83 (-0,03%)
     
  • Petrolio

    70,78
    +0,49 (+0,70%)
     
  • BTC-EUR

    29.613,39
    -1.404,56 (-4,53%)
     
  • CMC Crypto 200

    924,19
    -17,62 (-1,87%)
     
  • Oro

    1.879,50
    -16,90 (-0,89%)
     
  • EUR/USD

    1,2107
    -0,0071 (-0,58%)
     
  • S&P 500

    4.247,44
    +8,26 (+0,19%)
     
  • HANG SENG

    28.842,13
    +103,25 (+0,36%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.126,70
    +30,63 (+0,75%)
     
  • EUR/GBP

    0,8581
    -0,0004 (-0,05%)
     
  • EUR/CHF

    1,0870
    -0,0021 (-0,20%)
     
  • EUR/CAD

    1,4713
    -0,0008 (-0,05%)
     

Cambio EUR/USD in Ribasso: PIL USA Spinge l’Indice del Dollaro

·2 minuto per la lettura

Il cambio EUR/USD non si è mosso particolarmente nella sessione di ieri e rischia di chiudere la settimana senza particolari spunti, anche a causa di pochi market movers di rilievo provenienti dall’Eurozona e dagli Stati Uniti quest’oggi.

Stamattina alle ore 8:00, il cambio è in calo a 1,2176 mentre l’indice del dollaro statunitense segna i 90,127 punti.

Previsioni per il cambio EUR/USD in occasione della chiusura settimanale

Come sempre, anche per il cambio EUR/USD il valore raggiunto nel corso della chiusura settimanale potrà rappresentare una solida base di partenza per individuare i possibili movimenti di prezzo nel corso delle prossime sessioni di scambio di inizio Giugno 2021.

In queste ore, occorrerà prestare particolare attenzione anche ai minimi movimenti di prezzo, poiché dopo i dati positivi sul PIL trimestrale statunitense (ritoccato a +4,3% contro +4,1%) il dollaro statunitense pare aver già ripreso quota quanto basta per spingere il cambio EUR/USD al ribasso sotto il livello di 1,22.

Già nella giornata di ieri il cambio EUR/USD ha segnato un calo fino a un minimo di 1,2174 e al momento della redazione si trova poco sopra questo livello. Il valore in questione può rappresentare un supporto iniziale, prima del livello principale di 1,2150 e del successivo di 1,21.

Nuovi rialzi saranno invece abilitati dal superamento del livello di 1,22 e dal ritorno alla fascia di prezzo di 1,2250. La resistenza di 1,23 resta comunque il target principale, ma pare ormai che il cambio EUR/USD necessiti di ulteriori spunti rialzisti dal fronte europeo per riuscire a imporsi sopra questo valore.

Infatti, osservando i movimenti precedenti, questa soglia di resistenza ha più volte limitato i rialzi, avviando un solido rimbalzo del prezzo.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: