Italia markets closed
  • Dow Jones

    35.753,15
    +76,13 (+0,21%)
     
  • Nasdaq

    15.218,67
    +128,47 (+0,85%)
     
  • Nikkei 225

    28.600,41
    -204,44 (-0,71%)
     
  • EUR/USD

    1,1614
    -0,0031 (-0,27%)
     
  • BTC-EUR

    54.360,06
    +2.029,36 (+3,88%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.509,17
    +1.266,49 (+521,88%)
     
  • HANG SENG

    26.132,03
    +5,10 (+0,02%)
     
  • S&P 500

    4.567,39
    +22,49 (+0,49%)
     

Cambio EUR/USD: Rinnovata la Pressione Ribassista sotto 1,16

·2 minuto per la lettura

Il cambio EUR/USD nell’ultima sessione di scambi della giornata di martedì 5 Ottobre 2021 si è mantenuto stabile intorno al livello di 1,16 per gran parte della seduta, prima di perdere nuovamente terreno, pressato dall’indice del dollaro statunitense ancora molto solido e dalle incertezze, sul fronte europeo, in merito alla ripresa post-Covid.

Nonostante le notizie positive giunte dalla Germania con i dati PMI dei servizi, la moneta unica non è riuscita infatti a riprendere quota e il cambio EUR/USD resta così confinato sotto l’area di prezzo di 1,16, con il rischio di scivolare ulteriormente.

Precisamente, stamattina alle ore 8:30 il cambio EUR/USD è scambiato a 1,1576 mentre l’indice del dollaro statunitense segna 94,14 punti.

Previsioni sul cambio EUR/USD

Il cambio EUR/USD è indietreggiato nuovamente allontanandosi dal livello di resistenza di 1,1650 e riportandosi fin sotto 1,16.

Nella scorsa previsione, si evidenziava che non era da escludere un consolidamento nel corso della settimana tra 1,16 e 1,1650, con nuovi test del supporto di breve termine.

Il nuovo allontanamento dal livello di prezzo di 1,16 indica però che la pressione ribassista si sta accentuando, con la possibilità di testare anche i minimi di 1,1550 ed eventualmente di 1,1455 risalenti al mese di Luglio 2020.

Nello specifico, se il cambio EUR/USD dovesse contrarsi ancora, i livelli di supporto intermedi sarebbero quelli di 1,1530, poi 1,15 e 1,1480.

Invece, passando allo scenario rialzista, il cambio EUR/USD potrebbe riprendere quota riportandosi sopra il livello di 1,16 e lasciandosi alle spalle questo supporto. In tal caso, secondo il grafico dell’ultimo mese non è da escludere un nuovo tentativo di rally verso 1,1650.

Se anche questa resistenza intermedia (che si è rivelata molto solida) dovesse essere superata, allora il cambio EUR/USD potrebbe avviare un più serio ritracciamento fino al livello di 1,17 e oltre.

Vista la pressione esercitata dal dollaro USA al momento, si ritiene che al rialzo il target finale per questa settimana possa essere rappresentato da quest’ultimo livello di prezzo o in ultima istanza da 1,1750.

Il calendario economico per la giornata di oggi

Oggi pochi market movers di rilievo per il cambio EUR/USD, come gli ordini industriali in Germania, che sono stati già comunicati in netto calo rispetto alle attese, pesando ulteriormente sulla moneta unica.

Dagli USA si attende invece l’aggiornamento ADP sull’occupazione, che potrà influire sull’andamento del dollaro statunitense.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico. È inoltre possibile seguire la nostra pagina Facebook per rimanere aggiornati sulle ultime notizie economiche e analisi tecniche.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE:

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli