Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.218,16
    -495,44 (-1,93%)
     
  • Dow Jones

    33.290,08
    -533,37 (-1,58%)
     
  • Nasdaq

    14.030,38
    -130,97 (-0,92%)
     
  • Nikkei 225

    28.964,08
    -54,25 (-0,19%)
     
  • Petrolio

    71,50
    +0,46 (+0,65%)
     
  • BTC-EUR

    30.074,60
    -162,28 (-0,54%)
     
  • CMC Crypto 200

    888,52
    -51,42 (-5,47%)
     
  • Oro

    1.763,90
    -10,90 (-0,61%)
     
  • EUR/USD

    1,1865
    -0,0045 (-0,38%)
     
  • S&P 500

    4.166,45
    -55,41 (-1,31%)
     
  • HANG SENG

    28.801,27
    +242,68 (+0,85%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.083,37
    -74,77 (-1,80%)
     
  • EUR/GBP

    0,8590
    +0,0041 (+0,49%)
     
  • EUR/CHF

    1,0935
    +0,0016 (+0,15%)
     
  • EUR/CAD

    1,4786
    +0,0075 (+0,51%)
     

Cambio EUR/USD: Si Riparte da 1,2180 per un Nuovo Tentativo di Breakout

·2 minuto per la lettura

Dopo essersi mantenuto solidamente rialzista per gran parte della settimana, il cambio EUR/USD ha subito un sensibile calo nel corso della chiusura settimanale di venerdì.

I rialzi erano stati abilitati dalle preoccupazioni sull’inflazione negli USA, a cui si sono aggiunti i dati sull’occupazione statunitense. Il risultato: secondo molti analisti, la Fed non potrà stringere la sua politica monetaria nel breve termine.

Le previsioni restano quindi bullish per il cambio EUR/USD, che dovrà però ripartire dalla fascia di supporto a 1,2180 che ha frenato l’inversione venerdì scorso.

Stamattina, alle ore 8:30, il cambio EUR/USD si trova a quota 1,2188, mentre l’indice del dollaro statunitense segna 89,96 punti.

Previsioni settimanali per il cambio EUR/USD

Il cambio EUR/USD non è riuscito a superare stabilmente il livello di 1,2240 che rappresenta i massimi dal mese di Febbraio 2021. Questa banda di prezzo ha fatto da sponda, avviando una fase di correzione che ha spinto in calo il Fiber.

Per questa settimana, il target resta il medesimo e il trend bullish non subirà alcuna pressione se il prezzo ricomincerà a spingere sopra 1,2220. Invece, un calo sotto il supporto di 1,2180 aprirebbe la strada a un’accelerazione dell’inversione anche fino al livello di 1,2140. Da qui, il gap tecnico è molto ampio e il cambio EUR/USD potrebbe dunque scivolare fino al secondo supporto principale di 1,2080, che inaugurerebbe il trend ribassista.

Infine, l’ipotesi del consolidamento sotto 1,22 potrebbe fare perdere al cambio EUR/USD il suo momentum rialzista, ma manterrebbe comunque la moneta unica in una posizione privilegiata rispetto al biglietto verde, pronto a sfruttare le incertezze legate alle scelte della Fed per riprendere la sua corsa.

Particolare attenzione andrà rivolta, in questa prima parte della settimana, ai discorsi dei membri del FOMC e ai dati macroeconimici provenienti dall’UE, come il PIL tedesco.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE:

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli