Campagna low cost per Berlusconi

Niente manifesti 6 X 3, mega-raduni, promotori della libertà e canali Tv dedicati

Comizi non ne farà perché ci sono rischi per la sicurezza; i mega-manifesti da sei metri per tre non li farà attaccare perché preferisce spiegare direttamente le sue ragioni agli elettori tramite la tv; i promotori della libertà di Vittoria Brambilla questa volta non sono stati mobilitati (né tantomeno sono stati riaperti la supersede all'Eur e il canale televisivo), si punta su piattaforme nuove: Facebook e Twitter.


Silvio Berlusconi è un genio nel presentare la realtà come meglio gli conviene, facendo passare svolta di comunicazione quella che è una scelta necessitata. Così da settimane sta occupando tutti gli spazi televisivi possibili, da Porta a Porta alla più sconosciuta televisione via web, in un inedito one-man-show, perché le trasmissioni d'informazione arrivano agli elettori, vengono riprese e amplificate dagli altri media, e soprattutto sono gratis.

Già, lui, che si è inventato nel 2001 l'uso compulsivo dei giganteschi manifesti pubblicitari (facendo anche esplodere i costi, che nel 2006 erano arrivati a 1.000 euro per ogni singola gigantografia affissa per 14 giorni), questa volta ha puntato senza mezzi termini per una campagna elettorale low cost. In primo luogo, speranze di rimonta a parte, Berlusconi sa bene che i suoi gruppi parlamentari usciranno falcidiati dalle elezioni, non solo, ma i rimborsi che vengono erogati in base ai voti raccolti, sono stati anche dimezzati dal Parlamento dopo i recenti scandali. Del resto già prima che la tagliola scattasse, Berlusconi aveva avviato comunque la sua personale spending review nel Pdl, tagliando di un milione anche la fideiussione personale che presentava ogni anno per riassestare la casse del partito. Non a caso nella relazione che accompagna l'ultimo bilancio, il tesoriere del Pdl, Rocco Crimi avvertiva che «rilevanti incognite» si profilavano «in relazione alla gestione finanziaria del 2013». Per dirla, insomma, come gli impresari di una volta: «Bambole, non c'è una lira». Discorso, per la verità, che il Cavaliere ha fatto anche alle altre 12 liste apparentate, Lega compresa: questa volta non sarà lui a pagare per tutti.

Beppe Grillo: "Lo spread è un'allucinazione di speculazione bancaria". Guarda il video

Scopri le nostre fonti: clicca sul logo per leggere tutti gli articoli dei provider e trova il tuo preferito


Cosa sta succedendo in Borsa

Nome Prezzo Var. % Ora
Ftse Mib 21.819,48 0,66% 17:30 CEST
Eurostoxx 50 3.189,81 0,44% 17:50 CEST
Ftse 100 6.703,00 0,42% 17:35 CEST
Dax 9.548,68 0,05% 17:45 CEST
Dow Jones 16.501,65 0,00% 22:32 CEST
Nikkei 225 14.404,99 0,97%  

Ultime notizie dai mercati