Italia markets open in 3 hours 34 minutes
  • Dow Jones

    31.535,51
    +603,14 (+1,95%)
     
  • Nasdaq

    13.588,83
    +396,48 (+3,01%)
     
  • Nikkei 225

    29.502,82
    -160,68 (-0,54%)
     
  • EUR/USD

    1,2029
    -0,0030 (-0,25%)
     
  • BTC-EUR

    40.668,12
    +1.673,00 (+4,29%)
     
  • CMC Crypto 200

    980,21
    +51,98 (+5,60%)
     
  • HANG SENG

    29.258,63
    -193,94 (-0,66%)
     
  • S&P 500

    3.901,82
    +90,67 (+2,38%)
     

Campari, meno utili e vendite in 2020, dividendo stabile, outlook cauto

·2 minuto per la lettura
Bottiglie di Campari in un bar in centro a Milano.

MILANO (Reuters) - Campari si lascia alle spalle un difficile 2020 con una profittabilità in flessione a causa del mix di vendita negativo e del minor assorbimento dei costi fissi.

In una nota il gruppo di superalcolici, che ha annunciato un dividendo in linea con l'esercizio precedente a 0,055 euro, ha detto che le prospettive rimangono caute, "principalmente a causa dell’incertezza legata alle restrizioni in corso e ai piani di somministrazione delle vaccinazioni, con conseguente impatto sui tempi di ripresa dei canali on-premise, in tutte le aree geografiche, e Global Travel Retail".

Il titolo ha corretto in borsa a valle della pubblicazione dei risultati, cedendo oltre il 4%.

"I risultati sono inferiori alle attese a livello di ebit e vendite sul quarto trimestre e questo ha fatto partire prese di profitto su un titolo che è salito tanto di recente", commenta un analista, che ha chiesto di non essere citato.

Nel dettaglio l'Ebit ha subito una contrazione del 40% e quello rettificato è stato pari a 321,9 milioni, con una flessione organica del 20,4% e una diluizione di 380 punti base. L'utile netto ha segnato una caduta del 39,1% a 187,9 milioni (rettificato in riduzione del 24,4% a 202,1 milioni).

Le vendite, pari 1,772 miliardi di euro, hanno frenato del 4,1% a livello organico, con il quarto trimestre risultato in calo del 7%.

Stabili le vendite di Aperol, condizionate "dai risultati in flessione nei principali mercati con maggiore esposizione al canale on-premise, a causa delle misure restrittive, come il principale mercato italiano e la Spagna, nonché il canale Global Travel Retail". Escludendo l'Italia e il canale Global Travel Retail, Aperol è cresciuto circa dell'11% nel 2020.

(In redazione a Milano Maria Pia Quaglia, Sabina Suzzi)