Italia Markets closed

Canapa, Cia: bene decreto ma rivedere limiti Thc con la filiera

Fgl

Roma, 16 gen. (askanews) - Per Cia-Agricoltori Italiani "è positivo che il Ministero della Salute abbia emanato, con pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, il decreto che indica i limiti massimi di Thc negli alimenti. Un provvedimento che mette gli agricoltori nelle condizioni di operare in un regime di maggior trasparenza e minore incertezza".

Per Cia, però, "i livelli proposti restano assai restrittivi per i produttori. Va avviata, quindi, una discussione tra il Ministero della Salute e tutti gli operatori della filiera con l'obiettivo di alzare i limiti massimi di Thc negli alimenti, fissati ora nel decreto, anche per essere più competitivi sul mercato".

"Gli imprenditori agricoli del settore vanno coinvolti - conclude la Confederazione - tanto più che negli ultimi anni sono centinaia le aziende che hanno fatto investimenti su questa coltura (+200%) che contribuisce a ridurre il consumo di suolo, diserbare i terreni e bonificarli dai metalli e, allo stesso tempo, è una produzione versatile grazie ai suoi mille impieghi. Fino agli anni Cinquanta del secolo scorso, come ricorda Cia, l'Italia era il secondo produttore mondiale di canapa dopo la Russia e contava fino a 100 mila ettari seminati per un milione di quintali prodotti. Oggi nel paese sono quasi 4.000, gli ettari di canapa seminati".