Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.744,38
    +215,69 (+0,88%)
     
  • Dow Jones

    34.200,67
    +164,68 (+0,48%)
     
  • Nasdaq

    14.052,34
    +13,58 (+0,10%)
     
  • Nikkei 225

    29.683,37
    +40,68 (+0,14%)
     
  • Petrolio

    63,07
    -0,39 (-0,61%)
     
  • BTC-EUR

    52.024,47
    +400,21 (+0,78%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.398,97
    +7,26 (+0,52%)
     
  • Oro

    1.777,30
    +10,50 (+0,59%)
     
  • EUR/USD

    1,1980
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • S&P 500

    4.185,47
    +15,05 (+0,36%)
     
  • HANG SENG

    28.969,71
    +176,57 (+0,61%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.032,99
    +39,56 (+0,99%)
     
  • EUR/GBP

    0,8663
    -0,0020 (-0,23%)
     
  • EUR/CHF

    1,1018
    -0,0015 (-0,14%)
     
  • EUR/CAD

    1,4981
    -0,0028 (-0,19%)
     

Candriam positiva sui paesi periferici europei: aumentata l'esposizione sull'Italia

Virgilio Chelli
·2 minuto per la lettura
Candriam positiva sui paesi periferici europei: aumentata l'esposizione sull'Italia
Candriam positiva sui paesi periferici europei: aumentata l'esposizione sull'Italia

La casa d’investimento preferisce sottopesare i paesi "core". La preferenza per l’Italia motivata dalla fiducia in Draghi e in un buon uso del Recovery Fund

L'Europa potrebbe registrare un aumento del PIL maggiore del previsto grazie in particolare all'accelerazione nella distribuzione dei vaccini e alle politiche fiscali e monetarie. Questo perché nonostante i lockdown e le misure di coprifuoco, che stanno certamente avendo il loro peso, nel complesso gli indicatori ciclici, sia relativi all'attività economica che all'inflazione, sono favorevoli.

FATTORI TECNICI POSITIVI

Lo sostiene Nicolas Forest, Global Head of Fixed Income e membro del comitato esecutivo di Candriam, secondo cui, nonostante ciclo di bilancio sia meno favorevole per i Paesi core della zona euro, il sostegno monetario, spinto dall’Asset Purchase Program e dall'aumento ed estensione del Pandemic Emergency Purchase Program, resta solido. E tutto questo, secondo l’esperto di Candriam, sarà un driver per i fattori tecnici nel corso del 2021, poiché i flussi netti sui titoli di Stato europei rimarranno negativi e le emissioni dell'Unione Europea alleggeriranno la pressione di finanziamento dei debiti sovrani.

SOTTOPESATI I PASI CORE DELL’EURO

Alla luce di questo contesto, Candriam mantiene ancora una posizione underweight sui mercati core dell'Eurozona e sottolinea che i mercati periferici continuano a essere sostenuti da politiche fiscali e monetarie, e dal Recovery Fund, che destina ingenti risorse ai mercati non core.

FIDUCIA IN DRAGHI

Dopo aver inizialmente ridotto l’esposizione sull’Italia quando si era aperta la crisi del precedente governo, Candriam è poi tornata a una posizione overweight, nella convinzione che il nuovo esecutivo guidato dall’ex presidente della Bce Mario Draghi dovrebbe riuscire a migliorare le possibilità di un uso più efficiente dei fondi derivanti dal Recovery Fund permettendo una ripresa economica più forte.

AUMENTATO IL PESO RISPETTO A SPAGNA E PORTOGALLO

Per questo, rende noto Forest, l’esposizione sull'Italia di Candriam è aumentata rispetto a quella su Spagna e al Portogallo, mentre è stata mantenuta una view overweight in generale sui Paesi periferici dell’area euro.