Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.352,46
    +151,02 (+0,68%)
     
  • Dow Jones

    29.910,37
    +37,90 (+0,13%)
     
  • Nasdaq

    12.205,85
    +111,44 (+0,92%)
     
  • Nikkei 225

    26.644,71
    +107,40 (+0,40%)
     
  • Petrolio

    45,53
    -0,18 (-0,39%)
     
  • BTC-EUR

    14.279,75
    +238,16 (+1,70%)
     
  • CMC Crypto 200

    334,19
    -3,31 (-0,98%)
     
  • Oro

    1.781,90
    -23,60 (-1,31%)
     
  • EUR/USD

    1,1965
    +0,0051 (+0,43%)
     
  • S&P 500

    3.638,35
    +8,70 (+0,24%)
     
  • HANG SENG

    26.894,68
    +75,23 (+0,28%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.527,79
    +16,85 (+0,48%)
     
  • EUR/GBP

    0,8988
    +0,0072 (+0,81%)
     
  • EUR/CHF

    1,0818
    +0,0021 (+0,19%)
     
  • EUR/CAD

    1,5529
    +0,0027 (+0,17%)
     

Cane positivo al Covid: è il primo caso in Italia

Primo Piano
·1 minuto per la lettura
(Photo Getty)
(Photo Getty)

Una barboncina di un anno e mezzo è il primo cane positivo al Covid-19 in Italia. La cagnolina è asintomatica e vive a Bitonto in una famiglia composta da quattro membri in isolamento perché positivi sintomatici.

A spiegare come potrebbe essersi infettato il cagnolino è stato Nicola Decaro, professore ordinario di malattie infettive degli animali presso l'Università di Bari, intervistato da Repubblica. Il primo tampone positivo è stato effettuato sul cane lo scorso 5 novembre e l’esito è stato confermato da altri test successivi. L’esperto ha fatto sapere che il cane, a differenza dei suoi padroni, non ha alcun sintomo e ha aggiunto che è stata rilevata una “carica virale molto bassa”.

GUARDA ANCHE: Ecuador, il bambino protegge il cane dal coronavirus

In altre parole, la barboncina in questione e tutti gli altri amici a quattro zampe, possono essere contagiati dai padroni, ma non possono infettare. Gli animali, insiste Decaro, “non sono un pericolo per la nostra salute". "Il rischio di contagio dal cane o dal gatto è quasi zero”, come dimostrano i casi documentati di positività al coronavirus da animale a uomo che “saranno una ventina” in tutto.

Perciò, termina il professore, occorre “trattare gli animali esattamente come se fossero altre persone. Quindi, anche a tutela della salute dei nostri animali, è opportuno affidarli agli amici o parenti non positivi che possano prendersene cura, se possibile".

GUARDA ANCHE: La quarantena con gli animali domestici