Italia Markets close in 59 mins

Canone Rai, ancora un giorno per non pagarlo. Come fare

Il Canone deve essere pagato da chiunque possieda un apparecchio televisivo. In questa categoria rientra ogni apparecchio in grado di ricevere, decodificare e visualizzare il segnale digitale terrestre o satellitare. (Credits – Getty Images)

Scade il 31 gennaio il termine per presentare la documentazione per richiedere l’esenzione dal pagamento del Canone Rai di 90 euro in bolletta. Mancano, dunque, meno di due giorni per evitare di pagare il balzello alla Tv di Stato, ma come fare?

In primo luogo, ricordiamo chi deve pagare il canone e chi, invece, può chiederne l’esenzione. Il Canone deve essere pagato da chiunque possieda un apparecchio televisivo. In questa categoria rientra ogni apparecchio in grado di ricevere, decodificare e visualizzare il segnale digitale terrestre o satellitare sia direttamente che tramite un decoder. Nella categoria, però, non sono compresi computer, tablet o smartphone non sintonizzati sul digitale terrestre o sul satellite. Perciò chi guarda la tv da computer in streaming è esente dal canone.

Poi, ribadiamo, la dichiarazione va presentata entro il 31 gennaio, mentre chi non riuscisse a rispettare la scadenza potrà comunque evitare di pagare il secondo semestre dell’anno inviando l’autocertificazione dal 1° febbraio al 30 giugno. La dichiarazione può essere spedita in forma cartacea tramite raccomandata in plico (senza busta) all’indirizzo ‘Agenzia delle entrate – Ufficio Torino 1 – Sportello abbonamenti TV – Casella postale 22 -10121 Torino’. In questo caso il modello deve essere accompagnato dalla copia di un documento di identità valido. La dichiarazione si considera presentata nella data di spedizione indicata sul timbro postale, quindi va spedita entro domani.

In alternativa, si spedire la dichiarazione per posta elettronica certificata (Pec) all’indirizzo cp22.sat@postacertificata.rai.it, ma è necessario includere la firma digitale. Chi è accreditato può anche compilare il modulo direttamente online tramite un’apposita applicazione sul sito dell’agenzia delle entrate.

La presentazione può essere effettuata a nome proprio o anche in qualità di erede di un soggetto deceduto cui sia ancora intestata l’utenza elettrica. In questo caso va compilato il riquadro B della dichiarazione indicando codice fiscale dell’erede e data del decesso. Se i componenti della stessa famiglia anagrafica sono intestatari di utenze diverse, come ad esempio nel caso delle case vacanze, è sufficiente comunicare all’Agenzia delle entrate su quale utenza elettrica devono essere effettuati gli addebiti del canone sempre compilando il riquadro B del modello di dichiarazione sostitutiva.