Come trovare la migliore tariffa telefonica

I consigli per orientarsi tra le promozioni delle società telefoniche e comprendere termini come "minuti veri"

Pubblicità bizzarre e fantasiose, promozioni e offerte di ogni genere. Le compagnie telefoniche tentano quotidianamente di conquistare nuove fette di mercato con strategie sempre più innovative e originali. Per gli utenti i vantaggi non sono indifferenti, perché basta un po’ di impegno per trovare il profilo più adatto alle proprie esigenze e il vantaggio è assicurato. A volte però è difficile comprendere alcuni termini e clausole delle promozioni e il rischio è di equivocare e quindi di restare delusi o insoddisfatti.

Per esempio c’è uno spot della Wind parla di “minuti veri” e viene dunque spontaneo domandarsi cosa significhi esattamente questa espressione. Si tratta di una frase che rientra pienamente nella strategia dell’operatore telefonico che a fine marzo aveva totalizzato 21,1 milioni di clienti per una quota del mercato consumer che ha oltrepassato il 25%. La scelta è spiegata da Mauro Accroglianò, direttore marketing di Wind. “Un mese fa abbiamo lanciato una pagina web dedicata a uno dei nostri nuovi marchi di fabbrica: Minuto Vero. Esso prevede la reale tariffazione al secondo per tutte le opzioni con minuti inclusi e i piani All Inclusive. A differenza degli altri operatori che applicano scatti anticipati di 30 secondi, Wind permette di non perderne neanche uno”.

Questa osservazione ci porta al cuore della questione. In sostanza, quando una tariffa prevede 20 centesimi al minuto ogni 30 secondi vengono addebitati 10 centesimi. E se si supera di poco il minuto viene addebitato un ulteriore scatto, cioè altri 30 secondi. Di conseguenza una chiamata di un minuto e un secondo viene a costare 30 centesimi a cui bisogna aggiungere l’eventuale scatto alla risposta.

Più in generale per capire come scegliere la tariffa telefonica più conveniente è utile prendere in considerazione un recente studio effettuato da Altroconsumo che sottolinea come “facendosi strada nella giungla delle offerte degli operatori per la telefonia mobile sia possibile risparmiare una cifra tra i 200 e i 300 euro sulla spesa annua del cellulare”. L’indagine rileva come permangano notevoli differenze praticate tra gli operatori che guidano il mercato (Tim e Vodafone) e gli altri. Altroconsumo individua cinque tipologie "standard" di utilizzo del cellulare: “soprattutto sms” (cinque chiamate da 50 secondi l’una, 30 sms a settimana), “chiamate lunghe” (10 da 4 minuti e 10 secondi, 20 sms a settimana), “uso intenso” (25 chiamate da 3 minuti e 10 secondi, 25 sms a settimana), “voce sms e internet” (20 chiamate da 2 minuti e 10 secondi, 20 sms a settimana, 150 MB di internet mobile al mese tramite cellulare), “soprattutto internet” (cinque chiamate da 50 secondi, 10 sms a settimana, 1 GB di internet al mese).

Nei primi tre casi risulta più economica la stessa tariffa di Wind, la 9 Limited Edition; a fare la differenza è l’opzione da abbinare: Noi Tutti Sms, Super Noi Tutti o Super Noi Tutti x 2, rispettivamente. Per Altroconsumo, al secondo posto, in queste tre tipologie, c’è sempre Postemobile; a seguire, 3 Italia, Coopvoce e di nuovo 3 Italia. Postemobile è invece al primo posto, e Wind al secondo (distanziata), nella quarta tipologia di utilizzo. Le offerte sono Zero Pensieri Extra Small e 9 limited Edition più All Inclusive, rispettivamente.

Per quanto riguarda le tariffe per la connessione Internet bisogna prima individuare di quale tipologia si necessiti: a volume oppure a tempo. Nel primo caso la tariffazione avviene in base alla quantità di Mb dall’utente una volta connesso. E’ molto utile nel caso si utilizzi la connessione internet mobile per essere sempre collegati alla chat o a Skype, poiché  non si hanno limiti di tempo e questo tipo di applicazioni utilizzano pochissimo traffico. Può essere conveniente anche per la navigazione Internet, a meno che che non si visitino siti particolarmente pesanti.

Le tariffe a tempo costituiscono la maggior parte delle tariffe Internet mobile presenti sul mercato. La tariffazione avviene sulla base del tempo di connessione a Internet. Possono essere utili per chi utilizza la connessione dati per scaricare la posta elettronica con allegati, navigare su siti web particolarmente pesanti o scaricare musica e filmati dalla rete. Incide notevolmente il tempo che si utilizza per leggere le pagine internet. E’ importante anche la velocità di connessione, infatti con la tecnologia gprs si impiegherà molto più tempo a caricare le pagine, rispetto a chi utilizza una tecnologia più evoluta come l’hsdpa. Con questo pacchetto il tempo di connessione viene conteggiato a blocchi di 15 minuti o più. Di conseguenza se ci si connette per scaricare semplicemente la posta elettronica o leggere una notizia sul web per 2 minuti, ne vengono comunque conteggiati 15.