Italia markets closed
  • Dow Jones

    30.930,52
    +116,26 (+0,38%)
     
  • Nasdaq

    13.197,18
    +198,68 (+1,53%)
     
  • Nikkei 225

    28.633,46
    +391,25 (+1,39%)
     
  • EUR/USD

    1,2133
    +0,0050 (+0,41%)
     
  • BTC-EUR

    30.123,22
    -49,77 (-0,16%)
     
  • CMC Crypto 200

    725,93
    +10,74 (+1,50%)
     
  • HANG SENG

    29.642,28
    +779,51 (+2,70%)
     
  • S&P 500

    3.798,91
    +30,66 (+0,81%)
     

Caporossi (Sigla): "Prevenzione arma fondamentale in cura glaucoma"

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

"Non si può accettare che il glaucoma venga ancora definito il ladro silenzioso della vista solo perché per mancanza di prevenzione e controlli specifici molte persone perdono la loro capacità visiva in modo irreversibile". Lo affermaAldo Caporossi, presidente di Sigla (Società italiana glaucoma) e organizzatore del XVI Congresso nazionale in corso fino al 5 dicembre su piattaforma online Sigla Goes Visual ribadendo la necessità di una maggiore attenzione verso una patologia con un significativo impatto sociale e sanitario.

"In questa malattia – ha precisato Caporossi - quando si arriva tardi, si è persa già la vista. Ci saranno mezzo milione di ciechi entro il 2030 e una buona parte lo sarà per il glaucoma. La prevenzione, dunque, e la capacità di pianificare indagini e controlli medici sempre più accurati, sono le più importanti armi a nostra disposizione. Anche per questo, attraverso il sito della nostra Società, cerchiamo di divulgare la conoscenza di questa patologia ad una platea sempre più vasta".

Fondamentale per Sigla la formazione e il rapporto con le "nuove leve" dell'oftalmologia che, anche in occasione del Congresso, hanno potuto confrontarsi con i maggiori esperti del settore. "Con i giovani oculisti c’è un rapporto continuo – ha concluso Caporossi – uno scambio reciproco e costante. Questo fa sì che Sigla formi ogni anno 18 super specialisti sul glaucoma. Si tratta di un numero significativo che va incontro ai bisogni e alle richieste dei pazienti".