Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.612,04
    +116,97 (+0,48%)
     
  • Dow Jones

    34.777,76
    +229,23 (+0,66%)
     
  • Nasdaq

    13.752,24
    +119,39 (+0,88%)
     
  • Nikkei 225

    29.357,82
    +26,45 (+0,09%)
     
  • Petrolio

    64,82
    +0,11 (+0,17%)
     
  • BTC-EUR

    47.849,47
    +1.506,84 (+3,25%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.480,07
    +44,28 (+3,08%)
     
  • Oro

    1.832,00
    +16,30 (+0,90%)
     
  • EUR/USD

    1,2168
    +0,0100 (+0,83%)
     
  • S&P 500

    4.232,60
    +30,98 (+0,74%)
     
  • HANG SENG

    28.610,65
    -26,81 (-0,09%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.034,25
    +34,81 (+0,87%)
     
  • EUR/GBP

    0,8694
    +0,0012 (+0,13%)
     
  • EUR/CHF

    1,0948
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,4751
    +0,0088 (+0,60%)
     

Carbon Tax, Gentiloni: riguarderà siderurgia, cemento, fertilizzanti

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 29 apr. (askanews) - La futura "carbon tax" europea, chiamata "meccanismo di aggiustamento alle frontiere", che sarà proposta dalla Commissione a giugno interesserà probabilmente, almeno all'inizio le importazioni nell'Ue, "i settori del ferro, dell'acciaio, del cemento e dei fertilizzanti". Lo ha annunciato oggi il commissario europeo all'Economia, Paolo Gentiloni durante un webinar della fondazione Feps.

Gentiloni ha precisato anche che i paesi terzi che esportano di più in Europa in questi settori, e quindi quelli che probabilmente saranno compiti da questa nuova misura, sono "Egitto, Ucraina, Cina, Russia e forse Corea del Sud". Il meccanismo di aggiustamento alle frontiere mira a compensare lo svantaggio competitivo che le imprese europee hanno nei confronti di quelle dei paesi terzi, quando queste ultime non devono sottostare agli stessi per la limitazione delle emissioni di CO2 equivalenti a quelli in vigore nell'Ue, come la "borsa delle emissioni" Ets, che impone un prezzo per quote di emissioni alla produzione.

Gentiloni ha puntualizzato che no si tratta di un "executive order", ma, come per tutta la legislazione europea, occorrerà tempo per arrivare all'approvazione finale, e nel frattempo ci potranno essere consultazioni con i partner internazionali per cercare una eventuale cooperazione.