Italia Markets closed

Cardano ed Ethereum potrebbero passare al PoS nel 2020

Federica Pace
 

Si prevede che il 2020 sarà finalmente l'anno in cui le criptovalute Ethereum e Cardano potrebbero passare all'algoritmo PoS (Proof of Stake). È un buon punto di partenza nella storia delle valute digitali.

L’anno 2020 sarà l’anno della blockchain PoS. Lo stesso Tim Ogilive , fondatore e CEO del servizio multi-blockchain Staked sostiene che il 2019 è un anno rivoluzionario per l’algoritmi PoS, ma per il 2020 dobbiamo attenderci molto di più.

Ethereum: la seconda criptovaluta passa all’algoritmo PoS

Ethereum è la seconda criptovaluta più grande per capitalizzazione di mercato e, visto il suo grado di maturazione, dovrebbe finalmente passare all’ algoritmo PoS .

I rumors aleggiano già dal 2014, quando Vitalik Buterin valutò per la prima volta la possibilità di transitare all’algorotmo PoS per consentire alla criptovaluta di maturare.

La tecnologia Proof Of Stake non comporta alcuna operazione di mining e non viene utilizzata l’energia elettrica per risolvere i problemi matematici.

L’algoritmo PoS è un’alternativa significativamente migliore per la scalabilità delle blockchain rispetto al PoW (Proof of Work), che viene attualmente utilizzato dal Bitcoin e dall’Ethereum.

Cardano: aggiorna la sua piattaforma PoS

Cardano , la dodicesima criptovaluta più grande per capitalizzazione di mercato, dovrebbe aggiornare la propria piattaforma PoS preesistente a una rete pubblica.

Charles Hoskinson , CEO di IOHK, ha annunciato che la nuova rete attirerà l’attenzione di molti più utenti rispetto al Bitcoin, all’Ethereum o ad ogni altro sistema PoW.

Negli ultimi due anni, Cardano ha testato un sistema PoS ed è pronto per il lancio ufficiale sul mercato delle criptovalute.

L’obiettivo è quello di coordinare la giusta quantità di premi e di penalità per garantire il funzionamento regolare e sicuro del sistema.

Dopo il lancio dell'aggiornamento " Shelly ", Cardano ha iniziato a pianificare l'aggiunta di nuove funzionalità e nuovi campi d’azione degli “smart contracts”, che avrebbero consentito lo sviluppo delle dApp.

Inoltre, si mira ad aumentare la scalabilità della rete fino a 10.000 transazioni al secondo.

Il passaggio dal PoW al PoS sarà semplice?

Transitare da un meccanismo di validazione basato sulla Proof of Work ad uno basato sulla Proof of Stake non è così facile come sembra.

L’ Ethereum ha ipotizzato che il risultato della nuova blockchain sarà una sorta di “ ibrido ”, a metà strada tra il PoW e il PoS.

Il protocollo PoS non è perfetto e c’è necessità di tanto lavoro per risolvere i problemi di governance, e ciò potrebbe richiedere anni e anni di impegno. Ma il 2020 sarà solo l'inizio.

Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online