Italia markets open in 2 hours 4 minutes
  • Dow Jones

    33.821,30
    -256,33 (-0,75%)
     
  • Nasdaq

    13.786,27
    -128,50 (-0,92%)
     
  • Nikkei 225

    28.510,10
    -590,28 (-2,03%)
     
  • EUR/USD

    1,2032
    -0,0009 (-0,07%)
     
  • BTC-EUR

    46.194,02
    +246,78 (+0,54%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.276,22
    +41,81 (+3,39%)
     
  • HANG SENG

    28.661,58
    -474,15 (-1,63%)
     
  • S&P 500

    4.134,94
    -28,32 (-0,68%)
     

Carige, Ccb non intende esercitare opzione su quota controllo - fonte

·2 minuto per la lettura
Il logo della banca Carige a Roma

ROMA/MILANO (Reuters) - Cassa Centrale Banca (Ccb) non ha intenzione di esercitare l'opzione per l'acquisto della quota di controllo di Banca Carige, aprendo la strada alla ricerca di un nuovo partner per la banca genovese.

Lo dice una fonte vicina alla situazione spiegando che la decisione del gruppo cooperativo è stata comunicata al Fitd (Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi) ieri sera tardi al termine di un lungo Cda, anche se non ancora ufficializzata.

Ccb detiene l'8,3% di Carige a seguito della sua partecipazione al piano di salvataggio nel 2019 e ha un'opzione per rilevare l'80% in mano al Fitd.

L'opzione scade a fine anno ma, con discussioni avviate già da tempo per riconciliare posizioni distanti, le intenzioni delle parti erano di arrivare a una soluzione in tempi più brevi, avevano riferito nei giorni scorsi fonti vicine alle trattative.

Domani è in programma una riunione del Fitd che, prendendo atto del nuovo scenario e confermando il sostegno alla banca ligure, potrà avere le mani libere e avviare la ricerca di un nuovo soggetto bancario per dare all'istituto una soluzione stabile.

Ccb e Carige non hanno commentato.

Il Fitd, insieme allo Schema Volontario, era intervenuto nel salvataggio di Carige, commissariata dalla Bce a inizio gennaio del 2019 per poco più di un anno, sottoscrivendo un aumento di capitale per circa 600 milioni di euro complessivi. Un investimento che, dopo due svalutazioni, ha un valore residuo iscritto a bilancio per 103,7 milioni di euro.

Carige ha chiuso il 2020 con una perdita di 251,6 milioni, il triplo rispetto a quella prevista dal piano del 2019, ma che tiene conto di un contesto mutato a causa della pandemia che ha portato a rettifiche e accantonamenti prudenziali aggiuntive.

L'istituto che ha confermato i target di ricavi e costi e che dispone di un capitale regolamentare in linea con i requisiti Bce, ha Dta complessive per 1,3 miliardi di euro valorizzabili nell'ambito di un processo di aggregazione.